Wednesday, 19 December 2012

Contenimento, completamento, puledrine

Tra poco usciro' di casa. Un'ora, forse un'ora e venti, e saro' in aereoporto. Li avro' con me una cartella, dentro un libro di matematica, pochi regali, ma vi corrisponderanno altrettanti sorrisi amati, e la mia stanchezza. Cerchero' di riposare, e allunghero' i ritorni a casa passando per certe viuzze deserte, e andro' ad indagare il senso della memoria, ora commentata e messa in discussione dalla varieta' del mondo. Non ho tempo ora, ma vorrei parlarti di contenimento, completamento e puledrine, affetto e soccorso, amore e complicita', passione e divertimento. Di come questi tre insiemi, necessariamente non disgiunti si intersechino, di cosa sia invece esclusivo, sconveniente o prezioso, e di quel punto unico cui ci destina lo sbirro severo che e' il 'noi' di un istante, e dell'infinito che tuttavia resta alla nostra portata, ti scrivero' presto.

2 comments:

  1. buon rientro ed un Natale sereno.... infinitamente sereno.
    Joh

    ReplyDelete
  2. Grazie Joh.
    Sono esausto: il viaggio è stato più lungo del previsto, ma adesso sono a casa!

    ReplyDelete