Wednesday, 3 October 2012

Passa tutto

Passa tutto, e alla fine vedrai che tornera' l'ottuso buon umore, non sara' che un'ipocrita pazienza, e quella contrazione dei muscoli del viso che e' il mio sorriso sara' ristabilita come da protocollo.


Mentre scrivo, gorgoglia di la' l'acqua schiumosa e profumata che riempe la vasca.

Un bagno caldo, un surrogato artigianale d'idromassaggio, sara' la prima cura che pratico per aggredire almeno il male del corpo.

Dev'esserci una festa, in uno degli appartamenti vicini: la denunciano le risate allegre delle ragazze, che spifferano di atmosfere gioiose e leggere, e quelle fragorose dei loro uomini, che risuonano piu' forti, ma sempre con un lieve ritardo, appena percettibile.

Cosi', nei salotti, nelle cucine, piu' ancora nelle camere da letto tu incontri, frequenti, scegli e cambi, scambi, rivaluti.

Nella solitudine, lo so bene, non ho invece che il male stesso cui aggrapparmi.

Se la vita mi ha convinto dell'inutilita', della sconvenienza dei rapporti umani cui le circostanze ci avvicinano o sottopongono, viziati sempre da un'avversione di cui non conosco i meccanismi ma di cui sono ormai convinto, mi ha anche offerto nel male un rifugio, una consolazione dallo stesso.

In queste pagine ove freneticamente spurgo il pus della sua ingombranza, la malattia mi offre un'oasi, un punto di convergenza per nomadi o dispersi.

Qui ancora mi illudo di poter incontrare un'amica, purche' sia una donna.

Se chiudo gli occhi, la prima immagine di gioia, la prima idea ancora capace di risvegliare il desiderio di vivere, e' una gonnellina svolazzante da sfilare o alzare li dietro appena dopo averti fatta prigioniera tra le mie braccia innamorate.

Come un naufrago affido a parole la mia vana speranza, che e' la piu' semplice, la meno fraintendibile: trovare un'amante.

Che sia una troia o la mia Alice, a questo punto ormai poco conta.

(data la situazione di morosita' in cui versa questo maledetto diario sento di dovermi imporre una pausa di almeno qualche giorno).

No comments:

Post a Comment