Saturday, 22 September 2012

Un piccolo gioiello

 Vivo in una delle citta' piu' belle del mondo, ne sono ben cosciente, e nella misura concessa dalle mie forze cerco di approfittarne.

Certo, non troverai qui la bellezza, esatta, che non conosce soluzione di continuita', di Praga, che per intero sembra essere stata teletrasportata, intatta, da un passato remoto ad oggi, ne' le gallerie di Firenze, traboccanti di tesori inestimabili, ne' i musei di New York, ne' lo splendore imperiale di Vienna ... e tuttavia in questa citta' di medie dimensioni, che vive di rendita 5 giorni la settimana per reinventarsi ogni venerdi sera, ho raccolto, sparpagliate qua e la, tessere di un puzzle che, nella sua interezza, qui non realizzata, compone un ideale urbanistico.

Il quartiere nel quale mi sono trasferito e' un piccolo gioiello

Perfino le ragazze, qui, sono particolarmente carine.

Sono eleganti senza essere appariscenti, curate ma non appesantite dall'eccesso, e tra loro indovino numerosissime studentesse delle diverse universita' che hanno sedi distaccate dislocate qui attorno, cosi' che ogni visetto malizioso m'immagino possa nascondere qualcosa di piu' complesso ed articolato che una forma cruda di desiderio o bisogno, e che ogni paio di gambe snelle e sbarazzine porti a spasso piu' che un bel culetto.

...

Un bel culetto ... sapessi cosa diventa quando e' di chi ami!

Sapessi come cambia il desiderio ...

Non e' piu' il senso della tua intera, sterminata esistenza, possederlo solamente, ma baciarne le carni morbide, non e' piu' solo ungerlo della tua saliva, imbrattarlo del tuo seme, ma metterlo al centro delle tue attenzioni, e dedicarvi le cure dolci e perverse dell'amore.

...

I palazzi ospitano, nello spazio antistante gli ingressi, dei piccoli quadratelli di verde, e cosi' passeggiare, perfino nella solitudine della notte, e' incontrare, familiarizzare quasi con le differenti attitudini degli inquilini invisibili e sconosciuti.

C'e' l'asettica Kimberly Dental Clinic, che in quello spazio ospita ghiaia e un paio di vasi come calvi, c'e' la selva abbandonata a se' stessa di quell'appartamento dalle finestre luride e sfrisate, e quella che riproduce, su scala ridottissima, l'anima stessa della natura, varia, densa, vitale, e poi i fiorellini delle aiuole, e le rose altere, e i cespugli punteggiati di violetto.

Incrociandoti per strada, gioco ad associare alla tua fisionomia, sottile, elegante ed un po' snob, uno di quei cortiletti.

Forse ti nascondi al riparo di una delle alte siepi, e li dietro, seduta su di una panchina, passi gli ultimi pomeriggi di questa stagione leggendo un bel libro o carezzando il tuo cane.

2 comments:

  1. :-)ti auguro una buona domenica Gio! :)
    stai meglio? Perchè questa vita è così ingrata?? :(
    Ps bellissimo lato B :)

    ReplyDelete
  2. Si, e' bellissimo, ma io preferisco un viso :-)

    ReplyDelete