Saturday, 2 June 2012

Tette: un'idea rivoluzionaria


 Certo che l'umanità è stata portata avanti da degli imbecilli ... ed io, come investito da un alto principio etico, per senso civico mi ripropongo di contrastare, migliorare, far progredire questa massa confusa e corrotta.

La lettera, pudica, divertente, affettuosa perfino, di un'amica, nella quale costei accosta il mio peso a quello dei suoi seni, mi suggerisce un mondo nuovo, un mondo più sereno, morbido, soffice, candido!

Da queste parti si usano unità di misura legate al corpo: un piede, un pollice indicano lunghezze, e ancora non si rassegnano a cedere il passo (sarebbe il colmo) al freddo metro, all'anonimo centimetro.

Io propongo di sovvertire la rotta imposta dal Sistema Internazionale, e di usare la tetta come unità universale di peso!

I vantaggi mi appaiono evidenti, ma te ne voglio suggerire alcuni.

Immagina questa conversazione, dalla salumiera che ti intimidisce con la sua bellezza procacissima e alla quale non sai mai cosa dire.

Spavaldamente, guardando quel ben di Dio, non avresti problemi a proferire un aulico 'Egregia signorina, mi dia due tette di quel bel pezzo di maiala'!

Pensa a come sarebbe più facile l'approccio anche con la fruttivendola, la cameriera, la collega a pranzo!

Si userebbero finti malintesi - che' mi passi una tetta ... - e prima di aggiungere 'di melone' si farebbe in tempo a leggere sul viso della bella donna cui l'hai chiesto accondiscendenza o  disgusto. (l'assonanza con 'fetta' mi suggerisce che in antichità tale pratica fosse già in uso ... urge un'indagine etimologica della parola 'fetta', mentre leggo sotto una luce nuova il senso di 'pagamento in natura').

Il marketing dei rivenditori di Latte troverebbe nuove, adeguate e specifiche formule per pubblicizzare questo alimento, tanto importante per combattere l'osteoporosi, magari vendendolo in opportune confezioni sagomate da una o due tette, per un facile e gradevole consumo in ufficio o in tram.

Le donne non si farebbero tanti problemi di linea: l'eccedenza non sarebbero che tutte tette in più.

Le tettine poi, tante invise agli amanti delle maggiorate, troverebbero nell'accostamento a 'di salmone', 'di arrosto', 'di torta', una rinnovata dignità, e non si avrebbero più problemi neppure a reclamare delle belle tettone di anguria!

Se vuoi sostenere questa rivoluzione spedisci due tette di prosciutto o altro genere alimentare a Gio, Via della Dystopia 0, Atlantide di sotto.

14 comments:

  1. "magari vendendolo in opportune confezioni sagomate da una o due tette, per un facile e gradevole consumo in ufficio o in tram."

    :-DD

    ReplyDelete
    Replies
    1. Saremmo un bel trio comico io e loro :D

      ;-)

      Delete
  2. Mmm... settore interessante nel quale investire...
    Io investirei a occhi chiusi nelle confezioni sagomate... sono introiti assicurati, è la volta buona che mi faccio i soldi...

    Ah, ottimo... guadagnare sulle tette altrui! Eccone un buon uso finalmente ;D

    ReplyDelete
    Replies
    1. Per voi in verità avevo pensato ad un ruolo diverso :D

      Vi dice nulla la parola 'canone'?

      ;-)

      Faccio il buffone, cosa che mi è sempre riuscita benissimo, ma ultimamente sono vagamente malinconico.

      Ho iniziato, ricominciato, cancellato un lungo pensiero che mi rifiuto di perfezionare.
      E allora mi godo l'opalescenza della pelle di una creatura immaginaria.

      A presto amica mia!

      Gio

      Delete
    2. ... canone inverso ?! :P

      Delete
    3. Tutto è lecito purchè sia un canone ;-)

      Delete
  3. Se vuoi sostenere questa rivoluzione spedisci due tette di prosciutto o altro genere alimentare a Gio

    Oddio... non e' che di 'sto articolo ne abbia molto in magazzino. Pero', se va bene anche il culatello. :-)

    ReplyDelete
    Replies
    1. Anche quello va benissimo, e attendo l'ispirazione per farne oggetto di un'altra rivoluzione ;-)

      Ciao!

      Gio

      Delete
  4. Canone?! o___O
    Temo d'essere d'un ignoranza abissale :)

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ihihihi :D
      Scusa Chiara, prometto di tornare in me ;-)

      Delete
  5. ... ma non è così ?! ho sempre creduto nel baratto !

    ReplyDelete
    Replies
    1. Meravigliosa Silvia :D Torniamo al baratto, io ci sto sicuramente :D

      Delete