Friday, 11 May 2012

Un desiderio incontenibile di fare l'amore!


Stasera sento un desiderio incontenibile di fare l'amore con te.



E' così da oggi pomeriggio.

Era così già stamattina, e ieri notte erano state a visitarmi le creaturine profumate e sensuali che, nude, anzi nudissime, s'infilano sotto le coperte nelle ore più silenziose, quelle del sogno, e li sono sovrane elegantissime e un po' altere, complici viziose e birichine, e contendono la morbidezza ai cuscini, il calore alle coperte.

Non sarò loquace oggi, quando tornerò a casa.


Lo so: il nostro amore è nato come incontro di due testoline, non sarebbe potuto andare diversamente, ma quella è stata una scintilla, necessaria ma effimera, e sono durate poco le discussioni filosofiche e le digressioni matematiche, e poi subito è divampato un fuoco sacro che non si estingue più, e incendia le carni, e irrora la mente quando ti vedo, ti sento, ti annuso.

Si impossessa di me, io stesso sono fuoco, quando ci sei tu.


Non una delle mie idee dell'amore hai deluso, e sorrido se ricordo che eri titubante all'inizio, prima di riconoscerci amanti, e credevi che le mie costruzioni ideali attorno alla donna tu avresti solamente approssimato.

Ti sono debitore di ogni centimetro quadrato di pelle che hai offerto alle mie labbra, che ho baciato, amore: li ho colmato il divario tra la superficie e il volume, tra odore ed sapore, tra pensiero d'amore e realtà erotica.

Sdraiati nuda sul nostro letto adesso, ed aspettami.

Sarò li tra poco, ma ti prego sii offesa quando entrerò in stanza da letto, anche se non avrò ritardo.

Tieni fissi i tuoi occhi sui miei, guardami nuda e severa.

Divarica le gambe e fammi vedere la fica, indicamela con le dita, che scendano lungo il collo sottile e pallido, indugino un attimo sui seni dai piccoli capezzoli rosa, e poi la sfiorino, la massaggino, la penetrino.

E' a lei che devo chiedere scusa.

'Chiedile scusa' ordinami, e leccati le dita già intrise del nettare che mi darà vita ancora una volta.

...

Amo tutto di te.

I modi istrionici  che tieni in casa, danzando sulle punte dei piedini quando nessuno ti osserva, la timidezza che usi in mezzo agli altri, e che esalta la sensualità ai miei occhi di amante, e poi l'impazienza, gli errori ingenui, le riflessioni maldestre e poetiche ... e su tutto l'espressioni della tua fica.

E' sfrontata quando si lascia guardare, dal davanti, consapevole d'essere il centro dell'universo, e sono invece occhiate invitanti ed irresistibili quelle che, segretamente, lascia indovinare quando si intravede da dietro, o si cattura dallo spacco di una minigonna, o intuisce dalla semi trasparenza dell'intimo.

Le chiedo scusa, con mille bacini, e tu intanto giochi con le mie orecchie, e sei tanto dolce quanto perversa è la lingua li sotto, e poi tanto focosa quanto tenere le attenzioni del tuo innamorato.

Non tenerli per te i gridolini, i gemiti da gattina, e quando sarai pronta, liberati dalla mia presa con un lamento da civetta, girati lasciva e licenziosa, piegati in avanti e alza la dietro alla giusta altezza.

Ondeggia un po' se vuoi farmi impazzire, o giocaci con le dita, raggiungendola da sopra e da sotto.

Così iniziamo, amore!

7 comments:

  1. Ma sono sempre sogni? :)
    ...Eppero sempra tutto reale..mah!
    E sempre more!! :(((
    Buon fine settimana dolcissimo!

    ReplyDelete
  2. Siamo sicuri sicuri che non ne sai niente? sei un po troppo minuzioso.. :-)
    Concordo con la mia omonima!

    ReplyDelete
  3. Ovviamente so del corpo delle donne, ma di come si muovono con i loro innamorati, di cosa significhi uno sguardo severo, di come interpretare un silenzio ... io non so nulla.

    Nessuna mi ha guardato con impazienza, e non ci sono stati silenzi che di circostanza o imbarazzo.

    Pago un prezzo salatissimo alla mia odiosa immaginazione.

    E' tremendo sentire sulle dita il profumo di una donna che neppure esiste, volgere lo sguardo su un cuscino sempre vuoto, svegliarsi solo abbracciati ad un piumone.

    Come fai a non considerarti una nullità, se tale sei stato per tutte le donne che hai incontrato?

    E non dirmi (non lo dico a te Sara, parlo in generale) 'ma quella ti vuole bene', 'ma lei ti considera sveglio', 'ma di qua', 'ma di la'.

    Quello è niente.

    E' solo quando sarò scelto come amante che la mia esistenza avrà un valore, ed allora potrò pensare, dare il giusto valore all'amicizia, alle affinità elettive.

    Per ora sono un tutto che è quasi nulla.

    ReplyDelete
  4. Gio, io penso che l'amicizia sia una cosa, una donna con cui fai l'amore sia altro. Che tu voglia essere scelto come amante è legittimo. Hai ragione.. ma non da un'amica. Forse non ho ben capito e me ne scuso. Di sicuro c'è che una donna all'altezza di tutte queste tue aspettative non so se esista.. lo spero e spero che tu la incontri.. però insomma.. se esiste non assomiglia ad Anita Blonde, questo è poco ma sicuro.

    ReplyDelete
  5. Scusami tu Sara, sono davvero un disastro :-)

    Quello che volevo dire è che una volta che vivi l'amore, ogni cosa, l'amicizia tra queste, finalmente è goduta appiena.
    Mi vengono in mente le belle parole del Flauto Magico ...


    Ein Mädchen oder Weibchen -- Papageno's aria from Die Zauberflöte

    Ein Mädchen oder Weibchen A girl or a little wife
    Wünscht Papageno sich Wishes Papageno
    O so ein sanftes Täubchen O, such a soft little dove
    Wär Seligkeit für mich. Would be bliss for me.
    Dann schmeckte mir Trinken und Essen; Then drink and food would taste good to me;
    Dann könnte' ich Then I could
    mit Fuersten mich messen, Measure myself with princes,
    Des Lebens als Weiser mich freun, Enjoy life as a wiseman,
    und wie im Elysium sein. And feel like I'm in Elysium.
    Ach, kann ich denn keiner von allen Ah, can I not please any of all
    den reizenden Mädchen gefallen? Those charming girls?
    Helf' eine mir nur aus der Not, If only someone would help me out in this need,
    Sonst gräm¹ ich mich wahrlich zu Tod. Otherwise I will worry myself to death.
    Wird keiner mir Liebe gewähren, If no one will grant me love,
    So muss mich die Flamme verzehren; Then the flame must consume me;
    Doch küsst mich ein weiblicher Mund, Still, if a womanly mouth kisses me,
    so bin ich schon wieder gesund. Then I will be immediatly healthy again.

    E via, la speranza che somigli ad Anita lasciamola intatta ;-)

    No, non sono così superficiale, anche se amo la bellezza cruda dei corpi, e quella ragazza è stupenda, non cerco un bel culo, due tette sode.

    Cerco una creaturina.

    A presto!

    Gio

    ReplyDelete