Tuesday, 15 May 2012

La scorrettezza personificata.


Riporto integralmente, perchè non si perda una stilla del suo veleno, una notizia Ansa a proposito dei risultati delle recenti elezioni amministrative di Parma.



Pd, con Grillo chi ha fatto fallire Parma

(ANSA) - ROMA, 15 MAG -

''A Parma chi ha fatto fallire il Comune ha detto che votera' Grillo. E allora Grillo deve guardare con che compagnia si va a mettere''. Cosi' il segretario del Pd Pier Luigi Bersani, nel corso della registrazione di Porta a Porta. ''Chi ha fatto il king maker di chi ha portato al fallimento Parma - ha aggiunto - ora fa il king maker'' del Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo.

...

Non mi stancherò mai di ripetere che Grillo non è una soluzione ai problemi del nostro paese, e non potrà mai esserlo: al limite gli si addice la parte, fondamentale e vacante, di guastatore, di pungolo, di tramite diretto tra i palazzi del potere e la parte più critica e intransigente della popolazione.

Per quanto questa frazione della societa' civile quasi sempre a rimorchio si porti la massa informe degli ingenui, detta vicinanza fa di Grillo, a mio modesto parere, una parte essenziale di un'eventuale soluzione.

L'osservazione esterna, scevra di conflitti di interesse privati, della politica italiana mi convince sempre piu' delle potenzialita' del Movimento a 5 stelle, e le dichiarazioni che fanno da contorno all'evoluzione di questo fenomeno politico mi ricordano troppo da vicino il motto Ghandiano

'Prima ti ignoreranno!! Poi rideranno di te! Poi ti combatteranno! ..e alla fine tu vincerai' 


per non suscitare in me speranze, entusiasmo, e soprattutto per risvegliare quel senso civico di partecipazione alla cosa pubblica, dote preziosa della quale i nostri politici ci hanno privato.

...

Con un gioco di prestigio degno del più ubriaco dei sofisti, Bersani, dimostrando una volta di più di non avere la minima dimestichezza con la logica, o di preferire barattare ogni grammo di onestà intellettuale per una manciata di voti, precipita Grillo, o meglio il suo movimento, nel vecchio gioco delle poltrone, delle spartizioni, delle reciprocità.

Questa frase:

''A Parma chi ha fatto fallire il Comune ha detto che votera' Grillo. E allora Grillo deve guardare con che compagnia si va a mettere''.

Fa rabbrividire.

L'assunzione che ad un proponimento unilaterale, architettato dietro le quinte per giunta, segua per forza un accordo sottobanco, l'idea scontata che per due voti in più uno possa svendersi ad un indegno offerente, il monito ridicolo, l'arroganza di chi non è abituato al confronto ...


Ritrovo tutti questi elementi in quello schizzo di vomito.

'Con che compagnia si va a mettere'?

Ma hai un cervello, brutto rincoglionito?
Tu che ambisci ad un patto con Casini, l'amico intimo di un tizio in galera per mafia, fai la morale al prossimo?

Ancora più meschino quello è che segue:

'Chi ha fatto il king maker di chi ha portato al fallimento Parma - ha aggiunto - ora fa il king maker del Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo''.

'Kingmaker?'

Ma torna a strafarti di tortellini, pirla!

Vergognati Bersani.

Ti ho sempre considerato un mediocre, un uomo privo di qualità, ma per la prima volta mi accorgo che sei fondamentalmente un disonesto.

8 comments:

  1. "Gli presentano il progetto per lo snellimento della burocrazia. Ringrazia vivamente. Deplora l'assenza del modulo H. Conclude che passerà il progetto, per un sollecito esame, all'ufficio competente, che sta creando."
    (Ennio Flaiano)

    Non trovi che sia proprio lui? :-)))

    ReplyDelete
    Replies
    1. Tu amerai Yes minister :D

      E si, hai ptoprio ragione.
      Come al solito, l'hai in modo esemplare.

      Delete
  2. Sembra una minaccia quella di Bersani

    ReplyDelete
    Replies
    1. Concordo. Mima concetti da Gtillo ma senza credibilita visto che cio che prospetta per il suo futuro egli ha gia realizzato in passato. E' forse su tutto una provocazione un tentativo di buttarla in baruffa ed evidenziare la violenza tutta verbale di Grillo

      Delete
  3. Intanto ha non-vinto, come dice lui. Che omino. Il Movimento 5 stelle a Parma mi fa un po' paura per la disorganizzazione che dei ragazzi alle prime armi necessariamente portano con se', ma visto quali erano le alternative non posso che godere della fine che gli altri partiti hanno fatto, e congratularmi con i Parmigiani.

    ReplyDelete
  4. Amica mia, ogni tuo commento è per me un dono, un motivo di gioia.

    Ancora una volta mi specchio nel tuo pensiero: provo la stessa paura, ed è mista ad una strana eccitazione, e non negando le difficoltà enormi, 600 milioni di debiti per una città di quelle dimensioni sono un fardello devastante, ho anche qualche speranza.

    Ti abbraccio

    Gio

    ReplyDelete
  5. Per qualche strana ragione, nonostante oggi abbia letto una ventina almeno dei tuoi post piu' recenti, noto che l'unico che ho commentato e' proprio questo, un posto che parla di politica... E' un po' strano, me lo spiego con il non volere turbare quella che mi sembra la tua intimita'. O forse no, forse a volte non mi sembra opportuno lasciare del rumore in questo tuo spazio. :)

    ReplyDelete
  6. Allora scriverò solo di politica d'ora in poi ;-)

    Amica mia, vedere una bandierina colorata di rosso, blu e bianco fare capolino tra queste pagine per me è sempre un'emozione.

    Le parole, i silenzi, che a volte sono parole trattenute, ... tutto è prezioso se tu ne sei dispensatrice o custode.

    E ti penso, e, te lo confesso, attendo senza ansie o pretese i tuoi pensieri, quelli impersonali e sottili, i prodotti del ragionamento, e quelli che sfiorano l'altra natura, quella indefinibile poichè effimera e mutevole che è davvero 'Alice'.

    A presto, o meglio: a quando vorrai.

    Gio

    ReplyDelete