Sunday, 6 May 2012

Incommensurabile

Questo volto scavato da rughe profonde, sul quale ormai hanno perso individualità i tratti sottili della giovinezza, i bei capelli corvini non sono che ruvidi ciuffi scarmigliati, le orecchie un tempo appendici delicate la gravità ha ridotto ad escrescenze sgraziate, nasconde l'animo infinito di una delle più formidabili figure di tutti i tempi.



Cercavo di immaginare il dolore che prova una donna quando si sente, quando si vede depredata della propria bellezza.

Ecco, se mai patirai per una ruga, per un capello che si colora d'argento, per il prosciugarsi di una rotondità o il cedere di un tono, appoggiati a questa vecchia signora che io ho amato più di ogni altra.

Se il tempo per allora m'avrà portato via, ricorda delle lettere d'amore che ti scrissi quando eri il compimento della bellezza, e seguivi scalza, come dipinta, nell'azzurro un molicciolo bagnato dell'acque di un lago o emergevi ninfa nell'oro di un campo di grano che pizzicava le cosce nude, e ripensa a quando cercavo di convincerti che era davvero il tuo viso a contendere a quello di antiche attrici la rappresentazione perfetta di un istinto, di un'emozione, di un pensiero ... e poi però afferra, e tieni stretta, l'idea spoglia di sensi che mi condusse a te.

Quel giorno, ricordati di me, e di quella cosa strana che era il mio amore.

5 comments:

  1. Sei bellezza allo stato puro...
    Hai il cuore che manca agli esseri umani d'oggi!

    Un cuore che si è estinto!

    ReplyDelete
  2. Ah... ribadisco ciò che ti ho scritto ieri!

    ReplyDelete
  3. Vi ringrazio di cuore signorina :-)

    ReplyDelete
  4. Tenerissimo..un cucciolo come sempre! :))
    Bacio

    ReplyDelete
  5. Ma non per tutti mia cara Sara :D

    ReplyDelete