Thursday, 19 April 2012

Tacchi a spillo e scialle di seta

 Così ti ho immaginata, ieri notte ...


Andava sfumando alle nostre spalle la serata, ad una cena in uno dei migliori ristoranti del centro, dove troveresti sapori capaci di appagare il gusto educato dall'ottima cucina mediterranea, da tempo deliziato da ricchi condimenti di verdure dorate dal sole del meridione, rinfrescato da abbondanti ceste di frutti succosi della Campania, ma soprattutto soddisfatto davvero solo dalla tua pizza, erano seguite ore piacevoli e rilassate in un pub ascoltando musica, chiacchierando, bevendo un paio di birre, ed eravamo di ritorno a casa.

...

Che bello quando la dolcezza di un ricordo è rafforzata dalla certezza che saremo capaci di crearne, di viverne di nuovi.

Basta perdermi nei tuoi occhi per leggere il nostro futuro, amore mio.

...

Tante volte ho percorso a piedi, nel cuor della notte, le scalinate ripide e polverose che spiovono dalla città vecchia verso i nuovi quartieri residenziali, le viuzze ciottolate che sciamano da certe piazze anguste, i grandi viali deserti dello shopping diurno, fino a ritrovarmi, ora seguendo colonnati imponenti, ora fermandomi alle edicole a dialogare con statue insonni, solo, stanco, a volte infreddolito davanti al portone di casa.

Non ieri.

Per il vicolo ieri notte risuonava il picchiettare di due tacchi a spillo, i tuoi, e la figura di un uomo e una donna abbracciati, stretti come solo gli innamorati sanno essere, tagliava, avanzando lentamente, il cono di luce dei lampioncini al neon.

Un rossore appena accennato, sul viso che mi ha innamorato, un lieve difetto di equilibrio, deliziosi doni dell'alcol, e poi il tuo braccio a cercare sostegno in me, e la mia mano, infilata sotto lo scialle di seta che ti fa da mantellina, a carezzarti la pelle, dolcemente.

Un bacio alla tua testolina, amore mio, e poi un altro, e un altro ancora.

E poi il calore del letto che ci aspetta a casa, e ancora mille baci ad occhi chiusi, mille baci a te addormentata e sognante.


Non è questo, l'amore?

No comments:

Post a Comment