Monday, 2 April 2012

Intermezzo anti-fascista

Ero convinto d'aver gia' scritto un simile post, ma non lo trovo.
Saro' forse ripetitivo dunque, ma come si e' soliti dire ... repetita juvant!

Ogni tanto ascolto inni legati a questo o quel partito politico, e in questo senso Bandiera Rossa s'accompagna a Facetta Nera, e finisco per trovare in entrambe quell'ingenuita' che e' la vera unica manna che le dittature distribuiscono al popolo, misera consolazione mista a dannazioni d'ogni genere..

Ho trovato questa versione di 'Facetta Nera' su youtube



Non ho mancato di leggere alcuni commenti di nostalgici del ventennio, i quali dimostrano che la suddetta scia d'ingenuita' sia davvero lunga, se e' vero che e' riuscita a superare indenne quasi 70 anni di democrazia sicuramente imperfetta ma carica di frutti.

Spiego meglio la mia tesi: a proposito di 'Facetta Nera' c'e' una disinformazione tragicomica, un frainendimento esilarante che ritengo sia indicativo davvero dello scarsissimo senso critico dei fanatici d'ogni tempo.

Come un'analisi elementare del testo suggerisce, si tratta di tutto fuorche' di una canzone aderente in tutto e per tutto al fascismo e alla sua ideologia cosi' sdrucciolevole in temi di giustizia, eguaglianza, liberta':
Se tu dall'altipiano guardi il mare,
Moretta che sei schiava fra gli schiavi,
Vedrai come in un sogno tante navi
E un tricolore sventolar per te.

Faccetta nera, bell'abissina
Aspetta e spera che già l'ora si avvicina!
quando saremo insieme a te,
noi ti daremo un'altra legge e un altro Re.

La legge nostra è schiavitù d'amore,
il nostro motto è LIBERTÀ e DOVERE,
vendicheremo noi CAMICIE NERE,
Gli eroi caduti liberando te!

Faccetta nera, bell'abissina
Aspetta e spera che già l'ora si avvicina!
quando saremo insieme a te,
noi ti daremo un'altra legge e un altro Re.

Faccetta nera, piccola abissina,
ti porteremo a Roma, liberata.
Dal sole nostro tu sarai baciata,
Sarai in Camicia Nera pure tu.

Faccetta nera, sarai Romana
La tua bandiera sarà sol quella italiana!
Noi marceremo insieme a te
E sfileremo avanti al Duce e avanti al Re!

Un'analisi dettagliata si puo' trovare su Wikipedia, ma e' evidente che i versi in grassetto suggeriscono un cameratismo tra 'Facetta nera' e 'Camicia nera' che pare sfugga del tutto a quelli che, cantando questi versi, lamentano poi l'invasione straniera e abboccano alle facili tentazioni della xenofobia.

3 comments:

  1. Mi considero ridicolmente partigiana... da sempre... sai, sono "una per cui la guerra non è mai finita"... ma
    oggi come oggi, versiamo nella stessa situazione della Germania pre-nazista... è una situazione pericolosissima amico mio!

    ReplyDelete
  2. Ci arriviamo pero' infiacchiti ed indolenti piu' che sllora, non credi? Un caro saluto meravigliosa fanciulla!

    ReplyDelete