Wednesday, 21 March 2012

Lo specchio, i sentimenti

Che bello se trovi te stessa in ciò che ho scritto da innamorato.

Si, innamorato: non riesco a chiamarla semplice amicizia, chè c'è di mezzo un affetto più intenso, e un rispetto simile a venerazione, un non so che, un qualcosa che richiede il lei, o forse addirittura il 'voi' se 'animadverto' e penso a lei.

L'immagine che di te hai, frutto di una sincerità di cui si è capaci solo nei nostri stessi confronti, è allora quella che leggi nello specchio che sono certe parole.

...

Che bello sentirsi dire 'ti voglio bene'.

Ti accorgi che mi hai portato oltre i limiti di scala se la reazione è sconnessa, insensata, illogica, sciocca perfino.

A un 'ti voglio bene' io appendo il quadro più bello, ed è un punto fisso, è il punto fisso di Archimede, se a dirlo sei tu.

Ti voglio bene, e mi sento piccino accanto a te.

2 comments: