Friday, 10 February 2012

Inevitabile

C'è una ragazza bellissima dove lavoro.

Un giorno, è inevitabile, mi dichiarerà il suo amore.

Io allora le chiederò solo una cosa, la più semplice e tenera.

'Hai pensato a noi due?'.

Ti prego, rispondimi: 'Si, ho pensato a noi due.'

Significherà per me due cose: il tempo che ci hai dedicato, e la particolare costruzione del mondo, abitudini, vicissitudini, avventure, che nella tua testolina popoliamo noi, e noi soli.

L'amore, stasera, mi pare questo.

Pensare a noi due.
Immaginarci vicini.
Arredare assieme il futuro.

Tornando in autobus, ho visto di sfuggita una ragazza, piegata sulle ginocchia, che faceva le pulizie in un negozio di parrucchiere, deserto e un poco squallido.

Non so perchè, ma in quell'istante ho sentito il desiderio di baciarti, e tenerti lontana dalle luci al neon, dagli strofinacci, dalla fatica.

Io ho pensato a noi due.

2 comments: