Thursday, 12 January 2012

Pazzo

Ho letto alcune pagine di questo diario stasera, con l'intento di avere di me un'idea oggettiva, e dunque necessariamente nuova e diversa di quella fino ad ora maturata.

Mi sono cioè sforzato, in alcuni casi è stato facile, altrimenti quasi inutile, di costruire un'immagine di questo 'Gio' come se non fossi 'io', o meglio i numerosi personaggi che l'hanno costituito.

Ne ho tratto piuttosto un volume, di densità disomogenea e irregolare, ruvido e dolce, e chiazze scure sporcano superfici opalescenti, e macchioline bianche dipingono distese spettrali e notturne.

Sono lievemente instabile, e soggetto a sbalzi d'umore prodigiosi.
Non emerge un senso dell'umorismo frizzante, che invece ritengo tratto fondamentale, ed altissimo, del mio carattere, che dunque ne esce a fosche forse troppo tenebrose.

L'incredulità per tante affermazioni, lo confesso, l'ho sciolta solamente permettendo al ricordo di ricondurmi all'autore, e la stanchezza, la necessità di una dolce amante, sono allora state conseguenze ovvie, esigenze primarie proprio perchè mai soddisfatte.

2 comments:

  1. sì, così, compreso l'umorismo frizzante !!!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Evviva :D

      Un abbraccio Silvia!

      Delete