Wednesday, 18 January 2012

Natale in Crociera



'Comanda' io voglio salire a bordo ...' (3:08).

Non fosse una tragedia terrificante, ci sarebbe di che trarne il prossimo cine-panettone, con un De Sica frizzante ed imbroglioncello nei panni del Capitano giocherellone.

Non mancherebbe neppure il solito cornuto, calato nella parte di quello serio, nervoso, preoccupato che si agita per nulla, al quale alla fine tutti fottono moglie, figlia, cagna.

Che cornice ridicola per quell'attimo tragico e sacro che è la morte.

2 comments:

  1. Adesso tutti a fare la parte della vergine violata, ma che differenza c’è fra Schettino e chi rideva su trecento morti pensando ai soldi che avrebbe guadagnato? e quale sempre fra gli schettini e chi manda un bidello invece di un ingegnere esperto a fare il sopralluogo in una palazzina resa pericolante dalle scosse di terremoto sotto la quale sono morti ragazzini che potevano essere i figli di tutti? ma noi pensiamo davvero di avere le physique du role per scandalizzarci di questo e quello dopo aver permesso ad un delinquente impostore abusivo e ai suoi ascari di occupare i palazzi del potere? ce l’abbiamo ogni volta che i diritti di qualcuno vengono calpestati? ce l’abbiamo quando non pretendiamo quelle leggi che renderebbero questo, un paese appena normale? ce lo abbiamo avuto ogni volta che i governi di tutti i colori si sono inchinati davanti al capo di uno stato estero in gonnella invece di zittirlo così come lo si è fatto con un Sarkozy e una Merkel che ridevano sulle nostre disgrazie?

    Gli schettini servono, altroché, servono a ricordarci che in questo paese tutto è possibile.

    ReplyDelete
    Replies
    1. Da questo paese io sono scappato.
      Non e' stata una prova di coraggio, ma un non saper piu' reggere la nausea.

      E' parte di un tutto, hai ragione.

      Delete