Tuesday, 10 January 2012

Care, piccole donne

Domani ho intenzione di scrivere un altro post esplicito sulla fica, e poi forse per un po' smetterò.
Trovo catartico, davvero liberatorio parlare esplicitamente di culo, tette, pompini, e soprattutto fica, ma non sono tanto limitato da pensare solo a questo.

Come ogni sera, avvicinandosi l'ora del sonno, ho controllato la posta di uno dei miei indirizzi e-mail, e ho notato che mi era arrivato un messaggio su ###, un sito di dating online dove da tempo immemore cerco partner sessuali-amorosi, con risultati, devo confessarlo, assolutamente nulli.

Mi ha contattato una ragazza, commentando delle immagini: una mia foto in cui appaio in una piccola composizione fatta con gimp, su sfondo nero, emergono giusto pochi tratti del viso, un occhio dietro una macchina fotografica, l'altro a scrutare davanti a me, e una in cui si vede la mia mano destra, poggiata sulla spalla di un fratello in un caldissimo giorno d'agosto.

Il suo commento:

I don't want to sound mean but your hand looks a bit scary, which is a shame as you read so well.

Non voglio essere meschina, ma la tua mano è un po' spaventosa, il che è un peccato visto che scruti così bene.

La mia risposta:

I am scary, which is the reason why I read so well.

Sono io ad essere spaventoso, il che è la ragione per cui scruto così bene.

Care, piccole donne!

Domani fica, fica, fica!

E poi tornerò al dolce spegnersi di un'anima, alla contemplazione di quella parte del bello che non mi è interdetto vivere in prima persona, e al culto della fragilità umana.

2 comments:

  1. Sono misogina, non potrei che sputare qualche velenoso monito alla pulzella impressionabile!
    Brindo alla fica... anche se... fossi maschio diventerei frocio!
    Issohardtosee, so hard...

    ReplyDelete
  2. Ma si, poverella, dopotutto non è che una onesta su cento che tacciono!
    I miei omaggi signorina :-)

    Gio

    ReplyDelete