Monday, 19 December 2011

Limite

L'elasticità di una sostanza è determinata dalla sua capacità di oscillare attorno ad una configurazione di equilibrio quando essa sia sottoposta e tensioni o deformazioni.

In fisica è ben noto il concetto di limite di elasticità: i corpi rispondono elasticamente solo se sottoposti a sollecitazioni inferiori ad una certa soglia, oltre la quale si manifestano comportamenti non elastici e irreversibili.

E' straordinario come la fisica rappresenti alla perfezione a volte anche i nostri sentimenti, e dopotutto giova al parallelismo il fatto che ogni organo, centro delle nostre emozioni, è di fatto un corpo fisico.

Che tu voglia associare al cuore o al cervello la sede dei sentimenti, la scelta è tua, così facendo non fai che trasferire un metodo e una pratica già studiata approfonditamente sull'inerte, e infine applicata al sensibile, al vitale.

Da un punto di vista fisico, è la rottura di certi legami a determinare la soglia di elasticità: interviene il caos molecolare, quasi a saldare, come in un arto mozzato e non ricucito, due superfici in modo che, perfino al contatto, non siano più una cosa sola, ma restino separate, per sempre, da una fessura, da un interstizio, luogo di polvere, attrito, infezione.

Certo, ci sono i metalli, e il miracolo della fusione, e del ricomporsi dell'unico dopo la sfaldatura.

Ma il cuore è carne, e coagula nero il sangue, e uno vive, e uno muore.

Sergio visse, io morii.

Continua...

No comments:

Post a Comment