Friday, 30 December 2011

Inganni!

Inganni, cento, mille inganni!

Se mi avvicinerò per sussurrarti un segreto all'orecchio, sarà solo per assaggiare quella ciliegia morbida che è il tuo lobo delizioso, e straziare con le labbra la pellicina del padiglione auricolare.

E non credermi mai, se vedrò una macchia sul vestito: sarà la più ignobile delle scuse per toccarti, carezzarti anche quando non te l'aspetti, e magari li dove soffri il solletico, o dove sei più meravigliosa.

Ma tu davvero immagini che ci sia una sbavatura nel rossetto?
Pazza, io solo desidero vederti fare le boccacce, e guardarti impazzire mentre cerchi uno specchio!

Legherò il laccio del vestito alla sedia, e quando ti alzerai farai un pata-trac.
Oh, lo farò anche al caffè del centro, e gli altri clienti penseranno ad una matta!
Ti ruberò ciabatte, calze, scarpe, e sarai a piedi nudi sempre, ovunque!

Non commettere l'errore gravissimo di lasciarmi tra le mani un libro, perchè ci scriverò sopra le mie note: 'Ti amo', 'Sei bellissima', 'Ti ricordi come ci siamo conosciuti?'.

E poi ci saranno le scommesse.
Tantissime scommesse, amore mio.

E, credimi, le vincerò quasi tutte io.

Allora ti presenterò ad un amico come una ragazza francese appena uscita dal manicomio, e che solo per questo si è innamorata di me.
Un'altra volta dovremo far finta di non conoscerci, e tu avrai il compito difficilissimo di sedurmi durante una gita al museo d'arte contemporanea.
Per un'ora intera potrai usare solo la vocale 'a'.
O avrai dieci, dico dieci secondi soltanto per decidere una capitale europea dove trascorrere assieme il weekend.

Ti amo.

4 comments:

  1. ... venerdì spettacolare !!! Mi piace !!

    ReplyDelete
  2. Un venerdi che esiste solo nel cuore Silvia!
    Ma spettacolare, quello lo è di certo!

    ReplyDelete