Tuesday, 1 November 2011

Quante?

Ne ho conosciute poche di persone, e pochissime hanno desiderato intravedere qualcosa di me.

Viceversa, ho frequentato centinaia di individui, alcuni sicuramente dotati di tratti notevoli, e di diversi di questi faccio uso per trarre se non lezione, almeno monito e stimolo circa l'esistenza.

La complessita' umana e' tale per cui non e' saggio prolungare tratti di conoscenza certa a vertici e segmenti non illuminati di un'animo.

E' un azzardo interpolare, e folle ogni tentativo di estrapolazione.

Ma se questo impone attenzione, cura, calcolo minuzioso nella vita pratica, viceversa far combaciare in uno stesso individuo tratti all'apparenza contraddittori e' un utile esercizio mentale, e aiuta chi ha la sventura dell'esser complesso, ad accettare l'insieme dei propri paradossi.

Vorrei scrivere di Paolo e sua madre, ma sono stordito da una fiacchezza invadente e da un'emicrania fastidiosa.

Dimmi che mi vuoi bene.

Dimmi che stasera, se fossi qui, ti prenderesti cura di me.
Una cena assieme, un massaggio alla schiena, forse qualcosa di non troppo diverso dall'amore, ma che ti giuro non ti permettero' di chiamare cosi', anche se dentro io per un attimo mi lascero' illudere.

Dimmi che mi vuoi bene.

Dopotutto e' per questo che ogni giorno cerco qualcosa di cui scriverti, non e' vero?

10 comments:

  1. Son certa che se fosse lì... si prenderebbe cura di te!
    Con immensa devozione!

    ReplyDelete
  2. Massì che ti vuole bene, ci vuole poco poco amico mio :)

    ReplyDelete
  3. E' bello sentirtelo dire ragazza d'altri tempi.
    E' bello che qualcuno ci creda :-)

    ReplyDelete
  4. Conoscermi è amarmi, non concordi Maraptica bella? :D

    ReplyDelete
  5. molte ti vogliono bene...un sorriso!

    ReplyDelete
  6. E mi è tornato in mente un ricordo di Silvia!
    Tra poco ne scrivo.

    Un caro saluto a te S.!

    ReplyDelete
  7. ... ho avuto come la sensazione d'essere apparsa in un luogo intimo e confortevole, ma in modo così inatteso da non trovare spazio per esserci senza sentirmi a disagio ...

    ReplyDelete
  8. C'e' grande intuizione nelle tue parole Silvia.
    E lo stesso disagio, lo so bene, l'ho fatto provare alle donne che piu' o amato, e tra queste diverse non le desideravo con l'ardore con cui cercavo Silvia.

    (Allora riproveremo domani.
    E poi ancora una volta.
    E ancora.)

    ReplyDelete
  9. ... allora, grazie per il privilegio !

    ReplyDelete
  10. Nessun privilegio Silvia!

    ReplyDelete