Friday, 4 November 2011

Non confonderti!

Nei corpi, la bellezza tollera ben poco di esule dalla perfezione.

Accettiamo, addirittura come doni, un neo su un viso pallido, ma purche' unico, un eccedere, lieve, di circonferenze, o il trattenersi, leggero, come in apnea, di un seno accennato anziche' florido.

Ma non confonderti.

L'anima appartiene ad un'altra dimensione, nella quale l'armonia e le sue tenui variazioni hanno il nome di noia, semplicita', vuoto.

Quella che amo, e' piuttosto frastagliata, ruvida, tagliente in superficie, e poi profonda, fredda e incandescente, friabile e granitica nell'intimita'.
E' un mulinello per le nostre residue emozioni, e certe ardite architetture mentali.
Le strappa, che angoscia sentirlo accadere sulla propria pelle, dalla superficie, e le precipita giu' ... dove noi esistiamo.

Attendo di sentirmi una volta di piu' inadeguato e sciocco, e di dover capire, per farti dono di me, di tutto me stesso.

Non ha definizione diversa lo stupore.

Ne' sento la sacralita' dell'altro, se non in nome di un contrasto che impone riflessione e mille pensieri confusi, e gli infiniti silenzi che forse peseranno sul nostro futuro.

2 comments:

  1. ... questa mi si addentra ! Invidia, profonda, profondissima, benevola invidia ( sospiro) ...

    ReplyDelete
  2. Queste parole le ho scritte per lei, è vero.
    Ma ciò che sentiamo, quello è sempre nostro.

    A presto

    Gio

    ReplyDelete