Thursday, 3 November 2011

Le parole spesso sono veicolo di ipocrisia

Le parole spesso sono veicolo di ipocrisia.

Atte a persuadere, scelte con cura sono riempitivi resinosi dei vuoti di argomenti fallaci, o veli infetti stesi a occultare concetti pericolanti.

Trattare in linea teorica di ipocrisia e' una pratica che appassiona soprattutto gli ipocriti.

Paragona l'ipocrisia alla verita'.

La prima e' accettata comunemente, tanto diffusa che, in sua mancanza, non ci sentiamo a nostro agio.

Un vecchio senza denti, malvestito e piegato dal dolore che incontri per strada, tutte le sue residue energie in quella mano tesa a chiederti
qualche penny, una donna inguardabile, sfatta dall'alcol e dal cibo spazzatura, malvestita e violenta, ma anche la manifestazione
di un male piu' sottile che scava nella mente, e il pulsare dell'ampio atlante delle viscere umane che, prudentemente, chiamiamo desideri ...

Tutte queste sono verita', come il mio 'ti amo' non trattenuto in cattivita', e come, paradossalmente, certi silenzi ostinati e necessari.

Esprimendoci in modo esplicito, cioe' attraverso la parola, chiediamo al prossimo di fare altrettanto, e quindi lo predisponiamo all'ipocrisia.

E allora certi silenzi che implorano l'altro di capire, agire, prendere una decisione, sono un tentativo, ultimo e drammatico, di condividere il vero.

La mia solitudine, le tue delusioni, le abbiamo costruite noi.

4 comments:

  1. non è nella parola che ci esprimiamo in modo esplicito, se non a chiosa ... a volte ... L'ipocrisia si sente, rimane appiccicosa appena pronunciata e ancor prima se puoi guardare quegli occhi collosi ... la verità è tutta un'altra cosa, non ha residui se non la voglia di continuare ... m'aspetto questa, qualunque sia altrimenti meglio, molto meglio il silenzio ! ;)

    ReplyDelete
  2. Certo, noi costruiamo i nostri mondi, le nostre relazioni....
    il silenzio è colmo!
    Per chi ha orecchie, certo...

    ReplyDelete
  3. So che e' un paradosso ...
    Ma devo dirtelo: belle parole Silvia :D

    ReplyDelete
  4. Tu pero' sei un'artista.
    Non smettere mai di parlare, in qualche modo questo sara' per me sempre un parlarmi.

    Un inchino.

    Gio

    ReplyDelete