Saturday, 26 November 2011

Attenta! E' nitrogeno di potassio!

'Attenta! E' nitrogeno di potassio!'.

...

All'uscita secondaria del pian terreno, quella che porta dritti in mensa, c'è un grosso deposito pieno di bombole.

Capita che ce ne sia qualcuna che sbuffa vapori bianchissimi, altre con delle inquietanti etichette 'Danger' arancioni, residui di chissà quale guerra chimica segreta e costata la vita a scienziati incauti più che a soldati schierati in campo di battaglia.

Oggi, che sei venuta a trovarmi, siamo scesi nel tardo pomeriggio per un caffè e un pasticcino, e ci siamo ritrovati a passare davanti a una di queste bombole proprio durante un improvviso sfiatare di gas.

Che preoccupazione è calata sul mio viso, e che angoscia nella mia voce, come strozzata dal contrarsi improvviso dell'apparato respiratorio!

'No, maledizione, no! Me ne sono dimenticato! Oggi è sabato, e ci avevano avvertito che nel pomeriggio, approfittando che non si lavora nel weekend, avrebbero lavorato su questi rifiuti chimici tossici ... Attena, è nitrogeno di potassio, è pericolosissim, non respirare!!!'.

Dico così, e ti prendo per la mano, e ti stringo a me, come se quello fosse l'ultimo istante delle nostre vite, e che noi, giustamente, dovremmo vivere baciandoci.

Che scuse meschine, amore mio, per un ultimo bacio, per farti battere il cuore e sentirti fremere.

E tu che mi conosci, e sai che sono un mascalzone innamorato, un po' ci caschi e un po' ci stai.

Certo, perchè il nitrogeno di potassio non esiste, me lo sono inventato nel tempo libero, con il preciso scopo di giocare con te.

Quello è solo vapor d'acqua buttato fuori a intervalli regolari dal sistema di riscaldamento del dipartimento, e non farebbe male ad una mosca.

...

Mille baci a te, mentre mi dici che mi ami.
Mille baci, e ti prendo la manina.
Che pelle morbida che hai, e che dita piccoline, guarda, non mi arrivano neanche alla mia seconda falange!

Dai, facciamo un gioco di forza: prova ad aprirmi il pugno chiuso, vediamo se ce la fai.
E stasera? Stiamo a casa ad ascoltare la musica e fare l'amore, che ne dici?
Ma prima devi dirmi che mi adori e sono bellissimo, altrimenti guarda che ti porto a mangiare da McDonald!

Dammi un bacio.
Adesso, non indugiare.
Prima che il battito torni regolare, prima che torni tutto sotto controllo.

Finchè ancora sto sognando d'averti vicina.

8 comments:

  1. Allora S., sono o non sono un perfetto gentiluomo? :D

    ReplyDelete
  2. perché adesso i volpini si chiamano gentiluomini? :))

    ReplyDelete
  3. Cosa non farei per una madamigella ;-)

    ReplyDelete
  4. C'ho la licenza del mattacchione, io :D

    Io posso :D

    Un caro saluto gentile fanciulla!

    ReplyDelete