Tuesday, 4 October 2011

Un testamento



"... e l'ho pagato".

Non sono mai salito su un palcoscenico.

Ma sacrifico la mia vita per qualcosa che non so cosa sia, senza copione improvvisando e confondendomi in continuazione, patendo a volte del gelo che e' proprio del vuoto, della solitudine autentica.

E il cuore l'ho sentito battere, e non era solo il mio.

E l'ho pagato.

13 comments:

  1. sono molto commuoventi queste parole di Eduardo,, ma dietro hanno una storia, forse a pochi conosciuta, che parte già dalla sua nascita...
    chi di noi non potrà mai dire...e l' ho pagato!!!

    ReplyDelete
  2. Un giorno mi piacerebbe conoscerlo profondamente.
    Ciao!

    ReplyDelete
  3. Ecco il primo, il primo dei tanti errori fatti, il primo dei miei rimpianti... aver rinunciato al teatro.
    Nient'altro avrei dovuto fare nella vita se non recitare, perché era l'unico momento in cui sentivo veramente qualcosa.
    La vita è per me la vera farsa!
    Scusa, Gio, in questo periodo va così... :)

    ReplyDelete
  4. Ascoltami.

    Tu sei un artista.

    Per te non sara' mai troppo tardi, e se esagero, e davvero sara' troppo tardi per una cosa, sara' perche' avrai costruito qualcos'altro.

    Guardati con gli occhi miei, fallo almeno una volta :-)

    ReplyDelete
  5. Non ringraziarmi, anzi maledicimi mille volte!

    Sia chiaro, io ti tengo remotamente stretta come anima affine, e guai a chi ti tocca ...

    Ma quel 'l'ho pagato' so benissimo, e mi fa male dentro, e' valso, vale e varra' anche per te.

    Come si dice in questi casi?

    Un abbraccio a te!

    ReplyDelete
  6. Lo so, si paga!
    Tu lo sai, io lo so...
    c'è un prezzo da pagare... per chi sente!
    E tu senti, senti come pochi, sei come pochi!
    E quanto l'hai pagato!
    Ciao.

    ReplyDelete
  7. A volte fa paura questa vita.

    ReplyDelete
  8. Fa paura e tanta.
    E mi chiedo perché non ci si stringe, tra noi pochi, noi esuli, perché non ci si conforta più spesso, con poco... battute, racconti...
    Si riesce ad aiutarsi solo virtualmente, nella vita siamo spettri... fantasmi.
    Forse viviamo solo come ectoplasmi e non sappiamo essere altro! Si, credo che per me sia così, come persona in carne ed ossa valgo poco, come spettro esisto davvero!

    ReplyDelete
  9. Stasera ho parlato di te con una mia amica carissima.

    Sono riuscito ad esprimere forse un decimo di quello che di te penso.

    Beh, alla fine non so se era più gelosa o più rammaricata di non conoscerti.

    Che tu esista io sono proprio certo :-)

    ReplyDelete
  10. Confermo, rammaricata certamente di non conoscerla. Gelosa mai, noi si può essere gelose mica di un Gio, un Gio vede donne ovunque. E le vede tutte meravigliose. O quasi tutte :)
    Visto che ci sto... issohardtosee piacere mio :)

    ReplyDelete