Tuesday, 25 October 2011

Tu

Ti cerchero' ovunque.

Nelle foglie strappate dal vento che scivolano a terra, nelle pagine ingiallite di un vecchio romanzo, nelle ragazze eleganti a passeggio in citta'.

Trovero' la tua malinconia, una vena di tristezza che nutre di sensibilita' queste vite infreddolite, nei primi segni premonitori dell'inverno, ti vedro' immersa nella mia stessa lettura, ma ad essa aderente, non esterna come me, e da lontano mi ingannero' forse di indovinar te, avvolta nei lunghi soprabiti di velluto di ragazze attraenti a passeggio per la citta', e il tuo bel viso, nascosto dai cappellini calati sulle testoline di donne sconosciute, piene di desiderio e passione.

Ma dovro' chiedere aiuto all'immaginazione per scorgere in occhi distratti e appagati quell'anima delicata e tremula che e' la tua.

E a fatica riusciro' ad andare oltre all'idea dei loro corpi giovani, sodi, da baciare solo nudi, e di cui godere nel modo piu' semplice, e a raggiunterti allora in quel mondo ideale dove non ci sei che tu, e dove l'inganno non e' possibile.

6 comments:

  1. Bellissima davvero lo è :-)

    ReplyDelete
  2. Un bacio a te Sara, e a presto!

    ReplyDelete
  3. a me, piaci così, ... anche quando ti arrabbi, quando ti indigni, quando ragioni d'altro, m'aggrappo a questa idea che ho di te, questa !

    ReplyDelete
  4. E' funzione delle donne il mio umore Silvia.
    Delle donne e, se devo essere onesto, di poche altre cose, che pero' sono inutili, sciocche, secondarie.

    Mi hai dato un'idea ... grazie :-)

    Gio

    ReplyDelete