Wednesday, 26 October 2011

Immagini, non sogni

Mi sono rimaste solo poche immagini di quanto vissuto stanotte.

Di fronte a te inginocchiato, con le mani sul tuo seno, non so se prima o dopo aver fatto l'amore, e piu' probabilmente in quel setto temporale di pura adorazione che segue e anticipa il sesso con chi amiamo, giaccio godendo di un 'estasi che non credo sia a tutti accessibile.

Cosa sono la morte, la malattia, la fatica in questo momento?

Non esistono, perche' nella mente c'e' solo spazio per te.
Per la cura che ti devo, per la bellezza sofisticata e un po' fuori moda della tua figura pallida e sottile, per i modi eleganti e desueti del parlare e della timidezza che mi hanno vinto.

Nessun Dio creatore, nessuna forza primordiale potro' mai credere con lo stesso ardore con cui sento di te la presenza.

L'amore che nutro per le donne, la passione che provo non e' che un istinto animale, ha la ragione di un'intuizione, che e' proprio quella della beatitudine di quei momenti, mai vissuti, di godimento fisico e mentale che so di poter raggiungere solo di fronte a te inginocchiato, con le mani sul tuo seno.

Tu sei vestita.

Indossi un cappellino e una maglietta di cotone scura, aderente.

Adesso sono sicuro di aver fatto l'amore con te.

Non vedo i tuoi occhi, sono coperti dalla tesa del cappellino, e scorgo solo di te solo labbra fini e curate.

'Non sono sicura che sia una buona idea Gio'.

E' ovvio che ti riferisci a stare vicini di nuovo.
Non mi dici di 'no', ne' ti penti di qualcosa: esprimi solo una perplessita'.
Riesco ad immaginare centomila ragioni, quasi tutte sensate, per questo tuo dubbio.
Ma non mi metto neppure a discutere quelle che, ne sono sicuro, potrei convincerti non sono che concessione all'ipocrisia degli altri.

Ti amo non meno di prima.

Mi ritrovo quindi a Praga.

Purtroppo non c'e' Alice con me, ma mio fratello Nicola.

Oh, ho parlato pochissimo di lui in questo mio diario.

Non servono molte parole per darne una descrizione accuratissima: e' un santo laico.

Ha una generosita' che sfocia sicuramente nel sacrificio, e si esprime nel mettere gli altri, gli ultimi intendo, davanti a se'.

E' con due ragazzi, che inizialmente mi presenta come due fratelli.

Non so come mai, mi viene da chieder loro:

'Ma siete sicuri di essere davvero fratelli?'.

Certo, si somigliano, sono quasi coetanei, ma dubito della loro innocenza.

'Ecco, che vi dicevo? Ha gia' subodorato qualcosa: con lui conviene essere onesti!' interviene Nicola.

Mi spiegano di essere nonno e nipote, l'uno di 39 anni, lo vedo invecchiare di colpo, l'altro adolescente, e senza lavoro.

Al mio fianco e' frattanto comparso Claudio, il piu' caro amico dell'infanzia, e assieme stiamo ad ascoltare le lamentele del nonno.
Siamo esterefatti: non e' tanto 'senza lavoro', quanto piuttosto si rifiuta di accettarne di umili, pretendendo da subito un impiego di prestigio.
Per un po', e cito esempi concreti, ragiono con lui.
All'ennesima scusa sciocca, li liquido con rabbia e tutto attorno a me scompare.

6 comments:

  1. Se dovessi trovare una qualsiasi coerenza o collegamento tra i due sogni non saprei davvero dove mettere le mani. Di una cosa sono sicura, preferivi la prima parte del sogno. Scontato :)

    ReplyDelete
  2. maraptic) ...scrivi "intuito" sul tuo biglietto da visita, cara! love, mod

    ReplyDelete
  3. beh, se certe parole ti portano a queste immagini, posso davvero dire di non sentirmi sola !!! Grazie, a te, questa volta !!!

    ReplyDelete
  4. Mi conosci Maraptichella <3

    Un bacio a voi dolce fanciulla!

    ReplyDelete
  5. Sono un libro aperto per quella fanciulla Mod :D

    ReplyDelete
  6. In verità Silvia ci sarebbe di più.
    Ma oggi è stata una giornata densa di impegni, e ho dovuto rimandare a domani alcune cose.

    Un abbraccio

    Gio

    ReplyDelete