Friday, 14 October 2011

Il paese delle troie

E via, anche oggi ha vinto la democrazia, e salutiamo allora una maggioranza che esce rafforzata da un'ennesima prova dura, che ancora una volta e' riuscita a resistere al teatrino della politica e alle oscure mosse di intriganti parlamentarismi.
Viva il libero mercato, viva la legge della domanda e dell'offerta, viva la liberta', viva l'intraprendenza, viva chi capisce come va il mondo, o almeno l'Italia, e vi si adegua.
Viva l'Italia, paese dove prosperano i meritevoli, dove vale la parola data, dove si cambia casacca con una disinvoltura che nel resto del mondo ci si sogna.

E viva le cose fatte alla luce del sole allora, altro che sotterfugi e bizantinismi: qui il mercato di poltrone e il baratto si fa in piazza.

Viva l'Italia, un paese dove una troia puo' ambire a un posto da viceministro!

Ma perche' scandalizzarsi?
Dai, non faccoa,p i parrucconi e gli antisociali!
Che danno volete implichi dare oggi, in un periodo di ovvia prosperita' e grande vitalita' economica, un ruolo di viceministro allo sviluppo economico ad una baldracca qualsiasi?

(non sono maleducato, sboccato io: queste parole calzano a pennello per descrivere la cloaca che e' il parlamento italiano e il nostro governo!).

Viva le troie allora, che danno l'esempio.
Viva le puttane che mostrano la via.
Viva Giuda, l'unica sua colpa essere vissuto quando i tempi non erano ancora maturi.
Viva chi ricatta.
Viva chi compra.

Viva un paese dove l'evasione fiscale arriva a livelli allarmanti, e a nessuno viene in mente di sbattere o annunciare di far marcire in galera chi froda il fisco, a condividere celle con spacciatori di droga e assassini.

Viva un paese dove 5 segretari di partito selezionano i 1000 rappresentanti del popolo.

Viva un paese nel quale leader di partito minacciano il ricorso alle armi o inni alla figa e dove uno Scajola di turno ha la faccia di bronzo di proporsi come moralizzatore.

Viva un paese nel quale si grida Forza Gnocca, perche' che cazzo meglio andare a puttane minorenni che essere froci.

Viva Scilipoti, viva Razzi, e Lodo Alfano per tutti quanti.

Viva un paese dove la democrazia si e' insudiciata e si sta suicidando.

4 comments:

  1. This comment has been removed by the author.

    ReplyDelete
  2. Dolorossissimo e tragicamente vero.
    Che pessima giornata.
    Un bacio, mio caro. Sempre più bisogna imparare a vivere nonostante lo stato.

    ReplyDelete
  3. Mia Dea, che dolore questa assenza.

    Ascolto i grandi progetti, ambiziosi e sensatissimi, di amici rimasti in Italia, in attesa perenne di un sostegno alla loro inventiva.

    Lo troverebbero ovunque, credimi!

    E passano gli anni, e sono surclassati ...

    dalle puttane!

    Non e' giusto maledizione.

    ReplyDelete
  4. l'ingiustizia oggi mi ha fatto venire la nausea.
    Mi sento legata, mi sento legata ed imbavagliata da gente che non considero della mia razza... perchè nulla hanno di umano.

    Tristezza, sgomento e nausea...

    Joh

    ReplyDelete