Wednesday, 28 September 2011

Quel vicolo che sale al castello, l'hai presente?

Quel vicolo che sale al castello, l'hai presente?

Mi ricordo di avertene parlato, in alcune delle mie lettere.
Ecco.

C'e' una nicchia in una delle pareti che seguono l'angusto camminamento, subito dopo la scalinata sghemba dove sono quasi scivolato un giorno.

Sara' nei ricordi nostri ogni volta che ci passeremo davanti, perche' li ci saremo dati il nostro primo bacio.

...

Ogni luogo di questa citta' avra' ricordi di noi due, e sara' nostra davvero.

Non la visiteremo solamente, esternamente, in modo sterile, come di solito mi sono inventato a vivere.

Quel locale, ad esempio, sara' il bar di un the e biscotti di ristoro, dopo che la pioggia ci avrà resi fradici e infreddoliti, e la piazza grande, dove giocherelleremo con i teneri fiori primaverili.

Semi nascosti dalla vegetazione, in cima alla collina non ci saranno solamente i ruderi di un castello, ma troveremo le nostre mani intrecciate, e i sussurrati progetti, intimiditi dalla follia dei nostri sentimenti, per il futuro.

Arrivera' poi un giorno, e cio' che leggeremo sui libri di storia o sui giornali di questa citta' e del mondo non avra' piu' senso alcuno per noi.

6 comments:

  1. Eccolo che riparte per uno dei suoi viaggi... :)

    ReplyDelete
  2. E' bellissima ...
    Mio dio come e' bella!!

    ReplyDelete
  3. il nostro primo bacio...in una nicchia...fuori dal tempo e dallo spazio...
    :)

    ReplyDelete
  4. Oh, vi succederà di certo...
    E la tua amata la adoreremo anche noi!

    ReplyDelete
  5. Cara Dautre, se mai davvero un donna mi amerà ...
    Beh, non potrà essere una donna normale.

    Non avrà tutte le rotelle a posto, questo è scontato, ma un qualcosa di amabile davvero dovrà averlo davvero.

    Un abbraccio a te

    Gio

    ReplyDelete
  6. Sophia Loren è morta d'invidia quando ti ha visto Donna!

    ReplyDelete