Saturday, 24 September 2011

La solitudine dei sentimenti

Ci sono parole che non ho detto perchè insicuro, bloccato dalla timidezza, ed erano quelle che avrei sussurrato alle ragazze che ho amato o che semplicemente m'hanno infatuato, e ci sono stati sentimenti che non sono riuscito invece ad esprimere, e che quindi ho tenuto dentro di me, lasciando che il fraintendimento, l'indifferenza, surclassassero, distorcendola a volte terribilmente, la realtà.

Ci sono ricordi non appassiti poichè la solitudine che mi ha reso per certi versi un automa, pura meccanica e volgare chimica, non ha ancora inaridito ogni aspetto della mia umanità.

Non mi illudo.

Dell'immenso patrimonio sentimentale che possedevo, non mi rimane quasi nulla, e il misero residuo riassume o gli aspetti più astratti del mio carattere, penso allo stupore infantile che riconduco all'immaginazione, l'attitudine a creare mondi a partire da pochi elementi, o quelli più vili, come la frustrazione dell'essere schernito in continuazione da perfetti estranei, o un'insofferenza imprevedibile, e non solo per la mediocrità.

Custodite in un angolo della mente, forse angusto, chè alle volte mi pare il mio cranio sia solo un contenitore di definizioni, algoritmi, diagrammi, riaffiorano all'occorrere di uno scambio d'opinioni, un'immagine, quelle sensazioni che ho lasciato mute, immobili.

Forse proprio perchè non espresse, e non sottoposte al confronto con la realtà, sono rimaste pure, non corrotte.

Il degrado cui sottoponiamo, solitamente per disattenzione, ma spesso per brama, le idee, mi pare sia null'altro che un sinonimo di 'vita'.

Domani concluderò questo bizzarro periplo, che è un percorrere il bordo esterno di ciò che sono stato e, cadendo in basso, scivolando lungo pareti lisce, conduce a spirale fin quello che sono oggi.

...

Le parole ... ci sono sentimenti tanto friabili che non riesco a trovarne alcuna adatta a descriverli, chè ognuna mi pare tagliente.
Non le più delicate, e neppure le più sincere sono adeguate.

Soprattutto, tra tutti i vocaboli di un dizionario non esisti tu.

Per questo tu hai un nome.

5 comments:

  1. Vestita così la tipa che fa... scrive la lettera al Savonarola? ;) Hai finiro di filosofeggiare sulle femmine?!?!?! :-P

    ReplyDelete
  2. Cioè? Fammi capire, ci sono pure parole che non hai detto?? N'amo bbene...

    ReplyDelete
  3. Giammai Marapticbella, giamma ;-)

    ReplyDelete
  4. Oh, sapessi quante non ho dette mio CARISSIMO Baol.
    ...
    ...
    ...

    ReplyDelete
  5. il principe felice!


    ora si che rimango
    senza parole

    patti

    ReplyDelete