Thursday, 8 September 2011

Amare le donne

Un giorno tu verrai a trovarmi, e allora cammineremo l'uno accanto all'altro per ore, e l'allungarsi delle nostre ombre annuncera' l'arrivo della sera che saremo ancora con il naso all'in su a rimirare il castello, o seduti su una panchina a riprendere fiato.

Vedremo assieme i parchi, i monumenti piu' famosi, e andremo alla ricerca di piccoli angoli sconosciuti, fermandoci a leggere targhe commemorative, o immaginandocene di inesistenti.

Se la pioggia ci sorprendera', ti daro' la mia berretta.
Tu sarai bellissima, e io immobile, a guardarti innamorato e senza parole.

Entrando e uscendo da musei appesantiti dallo scorrere dei secoli, sfioreremo le vite di artisti che ormai sono polvere, e che pure ancora esistono tra noi, e sostando in ristoranti e trattorie avremo modo di sentire il calore di una zuppa mischiarsi a quello dell'alcool, e la stanchezza ci confondera' un attimo, finche' la volonta' non prendera' di nuovo il sopravvento.

Magari sogneremo lo stesso futuro, o piangeremo lacrime su un passato difficile, che tanto ci ha ferito da renderci oggi fragili, e pero' anche amabili.

Forse nudi faremo l'amore, e non so cosa significhera', se sara' per te una delusione, una perdita di tempo, una cattiva idea, un gesto che rovinera' la nostra relazione invece che renderla piu' intima.

Non lo so, ma alle volte vorrei che tu fossi qui, e non doverti dire nemmeno una parola, nemmeno 'ti amo'.

...

Questa lettera non e' scritta per una persona sola, proprio come non e' stata concepita da una singola componente del mio carattere.

La vita e' terribile, specialmente per chi ha una sensibilita' spiccata, esperienze travagliate, una valanga di delusioni.

Non ho certo una soluzione per il dolore altrui, e quella che io adotto, il culto della bellezza, l'ingenuita' nel domani, non posso aspettarmi funzioni anche per altri, visto che anche nel mio caso spesso mi lascia nella disperazione.

Cosi' e' come io amo le donne, quelle che desidero e quelle che non riesco neppure a immaginare di sfiorare.

Ho pubblicato le mie foto orribili, ghirigori terribili della mia deformita', ho voluto dare l'ultima e definitiva dimostrazione che 'non ci provo' con nessuna.

E adesso mi sento allora libero di amarle intensamente e con sincerita'.

E di poterlo dire.

10 comments:

  1. E comuque Gio che rimane senza parole mi sembra difficile da immaginare... :P

    ReplyDelete
  2. in.effetti.mi.viene.in.mente.almeno.una.volta.in.cui.di.fronte.a.una.donna.magnifica.ho.parlato.per.ore.e.ore.

    E.scommetto.che.te.ne.ricordi.anche.tu.meravigliosa.Colei.Che.:-)

    ReplyDelete
  3. sinceramente e piacevolmente stupita e ammirata da tanta delicatezza per mascherare un (forse) dolore d'amore.

    ReplyDelete
  4. In effetti neppure io lo so se sia cosi

    ReplyDelete
  5. era una astrazione?
    ancora meglio! significa che sei un cuore palpitante :)

    ReplyDelete
  6. Tu curi con le parole. Molte persone non sanno farlo nemmeno con le mani. E' un grande dono di cui dovrai sempre andar fiero. E io avrò un amico su cui spalancare tutte le mie debolezze infinite. Quelle che mi rendono quella che sono, nel bene e nel male. Un abbraccio Gio

    ReplyDelete
  7. S. temo di essere un inguaribile sognatore.

    ReplyDelete
  8. Sei bellissima Maraptica, te l'hanno mai detto? :-)

    ReplyDelete
  9. Amale tutte ;)
    Io ti ammirerò mentre ami...
    Fidati, è bellissimo guardarti!

    ReplyDelete
  10. Siete speciale, ragazza d'altri tempi

    ReplyDelete