Monday, 29 August 2011

La mia donna

Tanti anni di amore, passione, a volte venerazione per le donne, e troppe delusioni, non ti traversano senza renderti un mezzo incapace, un viandante esperto di un mondo ideale, e un perso vagabondo in quello vero e proprio.

Quindi io conosco bene l'unico modo in cui potrà accadere: la mia donna dovrà tirarmi a sè.

Se le darò la mano per stringer la sua, mi strattonerà quasi, avvicinandomi a sè perchè sia un bacio.
E se poi starò per sfiorare la sua guancia, mi metterà le mani attorno al cranio, e le sue labbra saranno sulle mie.

Parleremo di letteratura, arte, poesia, sentimenti, ma se sarà troppo a lungo si farà vicina, e spingerà giù la mia testa, e dal seno morbido, profumato scenderò fin fra le sue gambe, e li premerà perchè ne senta l'odore, perchè capisca finalmente con chi ho a che fare.

E non saranno solo carezze sul viso, ma graffi lungo la schiena, e mi mordicchierà le orecchie, e dovrò stringerla davvero, e non solo baciarla dolcemente, ma divorarla di baci.

E s'arrabbierà se sarò troppo lento a capire che è tempo di spogliarla, e di torturarci un po' a vicenda d'attesa.

4 comments:

  1. Siamo in tempesta ormonale eh!
    Innamoratissimo...Beato!:-D
    Ciao dolcissimo! :-)

    ReplyDelete
  2. Nessuna tempesta ormonale in verità ;-)
    Nè innamorato.
    E' l'idea dell'amore :-)

    ReplyDelete
  3. Una volta a scuola una prof, si lasciò impressionare da una mia frase: "Sono innamorata dell'amore"
    ma in realtà era un'ovvietà, ogni romantico lo è ...
    Poi comprendi che i romantici non sono altro che pazzi!
    Ti abbraccio!
    Prima o poi mi spieghi com'è che ti piace tanto quella poesia ;)?

    ReplyDelete
  4. Promesso, te lo dirò perchè mi piaci tanto ;-)

    ReplyDelete