Wednesday, 20 July 2011

La politica italiana

In Italia, non dimenticare equivale davvero a conoscere il futuro.

Il suicidio di Cal (Gardini), le accuse a Penati (tangentopoli), l'anniversario della strage di Borsellino, la casta che si chiude a riccio, le bombe, la pax mafiosa ...



Estote parati!

Peccato davvero che non ci sia memoria in questo paese, e che si torni sempre da capo.



Criceti in una ruota, sfiancati, affamati, ridicolizzati da pochi potenti: eccoli, gli italiani.

6 comments:

  1. Interiorizzazione e cristallizzazione di uno stereotipo, ecco cosa sono gli italiani.

    ReplyDelete
  2. Quanta fatica amica mia, ad essere italiani!

    ReplyDelete
  3. Quanta fatica (per me) a non sentirsi italiani!

    ReplyDelete
  4. Cara Dautre, anche se non ci sentiamo italiani, lo siamo, o meglio dico che un ambiente come quello italiano, dove gli opposti convivono, plasma tantissimo.

    Quando ti trasferirai nella tua Parigi, te ne renderai conto :-)

    ReplyDelete
  5. Ma quanto è bello sentirla, questo lingua Giusy!
    E la maestria nell'uso della parola non è secondo al virtuosismo in musica, nè ad alcuna arte.

    ReplyDelete