Friday, 22 July 2011

La dolcezza

La dolcezza mi ricorda una piccola e fredda chiesa in montagna, durante un'anonima celebrazione liturgica.

Il Don era stato spedito in quel paesino sperduto, due o trecento abitanti, qualche bottega e pochi lampioni a illuminare la sera che scendeva presto, e noi eravamo andati a trovarlo.

Capitava più di vent'anni fa, ed io ero ancora un bambino, ma già dolorante.

Quando ero stanco, la mamma mi permetteva di stare seduto, e io allora con la testa mi poggiavo a lei, che mi carezzava i capelli, e sistemandomi il bavero della giacca ne approfittava per darmi una carezza e qualche bacino.

9 comments:

  1. Il mio "pulcino smarrito" (mia madre 96kg)non è mai stata propensa a dare bacetti!
    E' un periodo che purtroppo sono da lei (vivo sola) e sono ricominciate le "competizioni": non sopporta che io dorma profondamente la notte mentre lei no :-)!
    E mi chiama...:-(
    Una mamy davvero dolcissima la tua! :-D
    Bacione!

    ReplyDelete
  2. Quella santa di tua madre. E poi, vogliamo parlare di tua sorella? :) Ciao oratore

    ReplyDelete
  3. 96 chili? E' come averne due di mamme ;-)

    ReplyDelete
  4. E parliamone, di quella crudele sorella che tante volte mi ha picchiato da bimbo :'-(

    ReplyDelete
  5. AnonymousJuly 23, 2011

    la dolcezza...
    mi ricorda una voce, in ansia per me...
    una voce che mi cerca silenziosa...
    una voce che mi avvolge ...

    la dolcezza mi ricorda i mille volti dell'amore...
    mi ricorda di oggi pomeriggio...

    un sorriso uomo nel deserto

    ReplyDelete
  6. Un bel pomeriggio, che però è durato solo un istante!

    Un abbraccio a te Donna

    Gio

    ReplyDelete
  7. T'ha menato troppo poco secondo me ma si rimedia facile...

    ReplyDelete
  8. Sarà(h) un due contro uno, lo sai vero collega caro? ;-)

    ReplyDelete
  9. Sì che lo so, solo che tu mi sa che hai una percezione molto ma molto errata di quello che Sarà(h) l'uno...

    ReplyDelete