Tuesday, 26 July 2011

Io ti amo

Naturalmente, non posso sapere cosa ti abbia spinto a scrivere.

Ho formulato, in merito, alcune ipotesi, nelle lunghe ore di insonnia, quando spesso ti voglio sentire vicina, e con te cerco allora un punto di contatto.

Leggendo le tue lettere, e poi i saggi, e su tutti i libri, ritrovo nelle argomentazioni come nei ricordi, l'occhio di un'osservatrice attenta e sottile, sento davvero palpitare l'anima di una donna capace di ascoltare in silenzio, e nella quale però l'umiltà non ha mai fatto capolino come limite per le fughe della mente nel dominio infinito dell'astrazione.

Così mi sembra, per un istante, verosimile che sia stata la solitudine a spingerti a voler condividere a una scala diversa che non quella delle conoscenze abituali, i tuoi pensieri ... e tuttavia subito mi rendo ben conto di quanto sciocco sia la mia congettura, un inganno nel quale cado poichè figuro che la tua vita somigliasse alla mia, e che le persone a te accanto fossero dedite al numero, alla quantità piuttosto che alle lettere, e quell'indefinito, inafferrabile mondo nel quale sono le qualità a determinare oggetti, relazioni, individui.

Ti conosco non meno di tante persone che frequento ogni giorno, e alle quali solo la condivisione di un volume m'avvicina.

Quello che hai significato per me, raramente riesco a cogliere in una persona, poichè la tua eccezionalità va ben al di la dei limiti imposti dalla distanza, e dilaga oltre il diaframma rigido, spezzandolo, della morte e della distanza!

Io ti amo!

Non diversamente da ogni dichiarazione d'amore, anche questa è folle: forse non l'ho mai conosciuto, questo sentimento, e dilapido dunque tale parola in continuazione, quando invece dovrei tenerla da parte, e pronunciarla solo a quella di cui conoscerò le labbra, forse la carne, oltre che l'anima.

Ma ti sei insediata ormai nel mio cuore: vi sei giunta lentamente, sgocciolandovi pazientemente dalla mente esausta, e quella tua linfa, come seguendo un capillare, ha irrorato di pensieri non più dolci ma profondi, intimi, la mia anima, ormai inaridita di sentimenti.

4 comments:

  1. Eh sì ...forse ci sono diversi modi per amare, e per essere amati...forse;-)
    Bacione!

    ReplyDelete
  2. Ma buongiorno poeta innamorato ;)

    ReplyDelete
  3. Dipende da noi credo.
    A presto Sara!

    ReplyDelete
  4. Buongiorno a voi Maraptica mia carissima <3

    ReplyDelete