Tuesday, 19 July 2011

Il primo errore

Qualche giorno fa mi è arrivato un messaggio di auguri da parte della mia prima insegnante di liceo, cui ho accennato recentemente del prossimo impiego oltre mare.
E mi è tornato in mente un suo approccio didattico che in effetti dava un senso allo studio di quella lingua morta che è il latino: per le prime traduzioni, l'utilizzo del dizionario era proibito, e potete dunque immaginare l'ansia per quel compito in classe, dove davvero saremmo stati obbligati a usare il cervello assai più che non l'IL.

Ovviamente fallii miseramente, e penso che quella volta ottennì una sufficienza stiracchiata.

Mi ricordo ancora il mio primo, e peggiore errore, l'unico di cui davvero vergognarmi.

"Attica in Graecia est; antiquitus Atticae incolae agricolae et nautae erant. Notae sunt industria agricolarum et peritia nautarum. Agricolae magna cum sollertia terram aridam et parum fructuosam colebant; oleae tantum luxuribant. nautae mercatura divitias comparbant."

'oleae tantum luxuriabant' lo tradussi come 'abbondavano tanti ulivi', il che davvero fu un doppio errore, in quanto non solo confusi un avverbio con un aggettivo, ma soprattutto diedi il senso a 'tantum' che discendeva per somiglianza con l'italiano, 'tanto, tanti' e non quello di 'soltanto', cui pure ero implicitamente familiare almeno da quando avevo studiato e imparato ottusamente a memoria l'elenco dei 'pluralia tantum', ovvero di quelle voci per le quali 'soltanto il plurale' esisteva.

Ecco, è tutto li.

Noi sappiamo un mucchio di cose implicitamente, e non ce ne avvediamo neppure.

Bizzarro il funzionamento del cervello umano, no?

4 comments:

  1. Fossero questi gli sbagli del cervello umano Gio... ;)

    ReplyDelete
  2. Dovresti preoccuparti di altri sbagli. . .

    ReplyDelete
  3. Figli miei, qui parlo di una famiglia di errori, non di quell'errore ;-)

    ReplyDelete
  4. AnonymousJuly 19, 2011

    spesso mi chiedo anche io cosa mi veli conoscenze e consapevolezze...
    veli trasparenti che dopo gli eventi sembrano inesistenti....eppure, così oscuranti prima di essi!
    provo emozioni simili a quando il mio "pensiero laterale" non emerge e soluzioni introvabili appaiono dopo(solo dopo) scontante, banali, ovvie....

    atroce se mi accadesse con le emozioni....
    o forse mi accade...chissà!

    un sorriso uomo nel deserto

    ReplyDelete