Friday, 8 July 2011

Il canocchiale di Galileo e cento storie

Ho rinunciato presto allo studio puramente teorico, per dedicarmi, con qualche discreto successo, allo sviluppo tecnico piu' che all'indagine astratta che propriamente chiamerei scienza.

Ieri pensavo ad un mio limite intrinseco, che proprio tra teoria e tecnica si dibatte.

In questo diario io vorrei riuscire ad esprimere i moti profondi e sottili dell'animo, ma non riesco a discuterne se non affogandoli nell'esperienza, e poi guardandone lo sgocciolare ragrumarsi su un panno bianco, la famosa tabula rasa della nostra innocenza ed ingenuità.

Cosi, ad esempio, la mia solitudine emerge come collezione di episodi, e non come condizione soprattutto mentale.

Quando ho voluto esplorare certi tratti del mio carattere, e tenete presente che qui si tratta davvero di puro 'io', materia grigia confinata in una scatola cranica di pochi centimetri cubi di volume, sono ricorso all'invenzione, la storia di Vera, chè la mente non riesce proprio ad affrancarsi dal podio del sensibile o almeno dell'immaginabile tale.

Sto confondendo me stesso assai piu' che non uno straniero che leggerà per caso queste righe, ma questo procedere a tentoni, ne sono certo, non è immotivato.

Esiste, tra le conquiste magnifiche del genio umano, un'oasi, o forse un'isola, di pura speculazione.

Vi si naufraga, e forse non è indistinta dalla malattia mentale, e forse la precede, o la segue immediatamente.

E pensavo all'utilizzo del canocchiale nel diciassettesimo secolo.

I piu' lo usavano, allora, non per guardare in cielo, ma quale gioco d'alta società, per rimirare quello che dopotutto l'occhio nudo, e il tempo necessario per coprire una distanza comunque a portata d'uomo, avrebbero mostrato egualmente.

Nessuno si sorprese di quanto raccontava quello strumento, finchè un tale, Galileo, non decise di usarlo per scrutare l'infinito mistero del cosmo, e quelle distanze che non si possono, nè si potranno mai, colmare.

2 comments:

  1. E questo è il riusltato della festa di ieri?! Ma se dovresti star a pensare a tutt'altro! ;)

    ReplyDelete