Tuesday, 21 June 2011

'Essendo un muscolo ...'



Ho ripensato a Rossano, un mio compagno di liceo.

Non era un ragazzo totalmente stupido, ma aveva un'ignoranza atroce ed un insopportabile disinteresse in qualsiasi cosa che richiedesse un minimo sforzo mentale.

Lo si direbbe oggi un perfetto prototipo dei nostri tempi: io continuo a pensare, semplicemente, che fosse già ai tempi una nullità d'imbecille.

Quell'anno, era forse l'ultimo, era stato organizzato un incontro di educazione sessuale con medici e assistenti di un qualche genere.

Alle solite nozioni di prevenzione delle malattie veneree seguì un breve dibattito.

Una ragazza chiese se l'ingestione di sperma potesse veicolare patologie, ed è così, perchè non si possono escludere lesioni della bocca o dell'esofago, e Rossano, seriamente, pure prese la parola.

'Essendo un muscolo', chiese serio, 'è possibile migliorare le prestazioni sessuali facendo sollevamento pesi con il pene?'.

La conseguenza di un'assunzione ridicola era una domanda veramente sciocca, e tuttavia talmente idiota da rimanenere nella memoria come autentica, divertente 'cazzata'.

...

Ieri sono entrato in un ristorante, nella bella città di Pescara.

Ero un po' stanco, un viaggio di 5 ore in treno, senza aria condizionata sfianca chiunque, e riduce in uno stato pietoso un derelitto mio pari, e il cameriere non ha mancato di confezionarmi su misura un paio di commenti non esattamente lusinghieri ('ma come siete stravolto, sembrate proprio uno straccio').

Tornando al mio albergo, ho incontrato un gruppo di tre mendicanti, donne, probabilmente zingare.
Di solito non lesino in elemosine, ma come mi sono arrivate a portata di narici un puzzo insopportabile mi ha invaso, trafiggendola, la faringe, e consigliato di cambiar aria in fretta in apnea.
Mi hanno dunque chiesto 'che hai un euro?' e io, vigliaccamente, ho risposto con un 'Sorry, I don't understand', che in verità voleva solo coprire il mio disagio sensoriale.
Quelle, pensandomi dunque forestiero, si sono lasciate andare a parole di disprezzo feroce nei miei confronti ('quello spaventapasseri' o qualcosa di simile).

No, il cazzo non è un muscolo.

Lo è il cuore, cazzo.

(questo si dice 'chiasmo dei poveri').

Ovviamente taccio delle cose belle, bellissime che ho vissuto a Pescara, perchè quelle resteranno tra me e te (alla faccia di chi sappiamo noi ;-) ).

Ho capito che devo cambiare vita, e farà malissimo, e comunque non ne sarò capace.

Un'illuminazione resta uno sfiorare il divino, perfino se getta luce sulla miseria, e su quel fotogramma, unico, che racchiude in sè l'immutabile solitudine della monotonia, la mia.

Zero, zero, zero, zero, zero, zero, zero, zero, zero ...

E non per caso, altrimenti potrebbe mutare quest'ordine, ma per una ragione che non cambierà di una virgola, mai.

Con le donne non ho realistiche speranze, e forse ho aggiunto un motivo più convincente degli altri ai molti che già avevo accumulato nei miei pensieri.

Il problema è che senza donne la vita non ha senso, no?

Perchè scopare, fottere, spompinare, leccare, succhiare, infrattarsi, sfinire, orgasmo, godere, graffiare non è disgiunto da amare, sentire assieme, addormentarsi vicini.
Non deve, e non voglio che lo sia! (cazzo).

Un disastro, un fallimento totale o quasi.

E non basta il M.I.T, o la moto, o la musica, o i libri, o checazzovuoi tu a risolvere la sorte.

6 comments:

  1. Volevo postarti il testo di "Lettera" di Guccini, in cui nomina i chiasmi filosofanti ma il tuo blog mi boicotta dicendo che sono troppi caratteri ed allora ti metto il link del video e te la vai a riascoltare (alla faccia mia :P )

    http://www.youtube.com/watch?v=MwkQ7Q7AjH8

    ReplyDelete
  2. Ho deciso che vado nel ristorante del tipo che non sa cosa sia l'educazione (facendogliela ingerire, insieme alle sue pizze, a suon di pugni in bocca), e pesco quelle tre rom per fargli scoprire cos'è l'acqua (affogandole)... così, tanto per soffocare un pò della rabbia che ho sentito, leggendoti. Ti ho detto quel che pensavo, ho fatto male? Ho fatto bene? Non so. Ma sono stata sincera.

    ReplyDelete
  3. Nella media non sopporto la gente che non si lava. Nella fattispecie i rom mi sono entrati in casa ben tre volte derubandomi ed ho ancora ben presente l'odore lasciato in casa.
    E' anche vero che da almeno 6 anni, incontro sotto casa una coppia, marito e moglie. Vendono riviste al semaforo, con dignità e simpatia. Li ho praticamente adottati.

    La stupidità dell'uomo è ovunque e la cattiveria regna anche dove meno te lo aspetti ma non darti del fallito. Non lo sei, non lo sei stato e non lo sarai mai.
    Joh

    ReplyDelete
  4. Hai fatto benissimo mia adorata ;-)
    Non è rabbia, è quasi euforia!
    A presto per la versione coi sottotitoli ;-)

    ReplyDelete
  5. Joh, pure io sono molto amichevole coi Rom, ma quelle veramente mi hanno aperto in due lo stomaco ;-)

    ReplyDelete
  6. Sempre alla faccia vostra caro collega ;-)

    ReplyDelete