Friday, 24 June 2011

Attimi esilaranti

Un lavoro solitamente noioso il mio, ma che di tanto in tanto offre attimi davvero esilaranti, fondamentalmente perchè io sono un bastardo, le donne troie e gli uomini bastardi.

Ve l'avevo detto che sono un uomo, vero?

Nella maggior parte dei casi, i miei clienti si contentano di fotografie, filmati, registrazioni audio, e tutto quello che sia sufficiente a provare un tradimento in tutte le sue varianti.

A volte, tuttavia, brucia tanto la ferita che vendetta vera e brutale, e non la sua forma diluita, quella che si affida ad avvocati in tribunali, ispira i miei e le mie cornute.

Prendete, ad esempio, la signora Frizzi.

Da tempo sospettava che il marito, il noto imprenditore, la tradisse.

Ritardi, scuse poco convincenti, disinteresse ... insomma, gli indizi della tresca sporca c'erano tutti.

Lei dunque mi chiamo', e io in pochi giorni le confermai i suoi sospetti: lui in effetti la tradiva.
Le offrii i miei servigi: per poche migliaia di euro le avrei presentato prove schiaccianti, che l'avrebbero obbligato a firmare un accordo di divorzio molto favorevole onde evitare lo scandalo.

La donna tuttavia era talmente piena d'odio che volle andare oltre: 'No, lo voglio sorprendere nell'atto' squittì quando le proposi una formula standard.

Io già tra me e me ridevo.

Quando dunque lui si trovo' nella situazione compromettente, come da accordo, la chiamai.
La mia sorpresa fu grande quando la vidi arrivare non sola, ma accompagnata dai figli, due gemelli di diciotto anni, e da genitori e suoceri.
'E' sicura signora Frizzi?' le chiesi, simulando un atteggiamente professionale.
'Sono sicura' disse lei decisa, davanti a quella combriccola ancora ignara di tutto.
'Allora seguitemi'.

Forzai facilmente la serratura di quella villetta di periferia, e in pochi istanti ci trovammo in camera da letto, dove il signor Frizzi se la spassava facendosi riempire da due bei maschioni neri come l'ebano.

Lo shock fu totale, e la rabbia che lei aveva tenuto dentro, e che intendeva far scoppiare in grida terribili, si trasformo' rapidamente in lacrime di disperazione, mentre i figli vomitavano e scappavano e i vecchi svenivano (i genitori di lui) o inveivano frasi minacciose ('io ti faccio sparare' il padre') o di sdegno ('l'avevo sospettato che fosse un culatone', la madre).

Io ridevo.

Lei ottenne ovviamente il divorzio, e lo ridusse in mutande con la minaccia di sputtanarlo a 360 gradi.

Tuttavia i soldi non le bastarono, e l'odio per lui divenne presto odio per tutti gli uomini.

Architetto' dunque una vendetta terribile.

Lei, la bella quarantenne, si fece sbattere davanti e di dietro da tossicodipendenti, puttanieri, disperati assortiti in varie combinazioni numeriche, finchè un giorno finalmente non si becco' l'aids e mezzo manuale Merck di schifezze varie.

E da quel giorno, e per anni finchè non si ridusse a una larva carica d'oro, la diede via come il pane a mezza città, portando l'HIV in case rispettabili di medici, avvocati, notai e commendatori, ma anche calciatori, bidelli, imbianchini, chè davvero si impegnò proprio a fondo a rovinare più persone possibili.

PS: ennesimi insulti e sbeffeggi da parte di perfetti sconosciuti mentre camminavo giu' in città.
Vaffanculo.

4 comments:

  1. Molta gente è piccola, minuscola, ottusa, ignorante, annoiata, cattiva, egoista, superficiale... decisamente stronza!

    ReplyDelete
  2. Stai incazzato eh?

    O___o

    ReplyDelete