Sunday, 8 May 2011

L'autobus

L'autobus, se lo prendi in stazione a quell'ora, è sempre pieno come un uovo.

C'è chi torna dalle gite, oggi ho forse visto l'ultimo paio di sci della stagione, chi risale dopo il pomeriggio passato al lago, quando le giornate sono così belle sembra d'essere al mare, e chi, partito la mattina per una semplice passeggiata nella foresta, è capitato in città, con l'abbigliamento da passeggio che laggiu' è un po' improbabile, pantaloni a righe bianche, blu e azzurre, camiciola pure azzurra a righe, cappello e sciarpa lunga.

Non sono più abituato al bus, chè sono sempre in moto, e stavo cercando una sistemazione decente avanzando verso le prime file quando l'ho vista.
E mi sono fermato, completamente rapito dalla sua bellezza.

E questa volta sono sicuro: è merito mio.
Un altro non avrebbe visto in quel corpo la grazia che io v'ho scovato.
Lo dico perchè gli altri ragazzi attorno a me ogni tanto gettavano, senza farsi notare, lo sguardo su un'altra, più esuberante e procace, che per me invece non era nulla di eccezionale.

Tu invece ... eri splendida.

Sapevo che saresti scesa, e non t'avrei rivisto mai più: volevo allora accumulare tutti i dettagli possibili, così da poterti ricordare quando tornerò su queste pagine.

Rivedrò così il tuo collo sottile, la pelle bruna, i capelli castani raccolti, e tornerà alla mia mente la tua fisionomia di spagnola.
Ho contato le perle della collanina e del bracciale, ho cercato di immaginarmi cosa potessi tenere nella borsa a tracolla.
Qualche quaderno per gli appunti, una macchina fotografica, il portafogli con le foto delle nipotine, un biglietto aereo per Madrid ...

Ma soprattutto, ho sognato di quella camiciola color vaniglia aperta un poco sul davanti.
Lasciava intravedere appena un seno minuto, e perfetto in un corpicino esile come il tuo.
Un pizzo, una decorazione non barocca, appena accennato, dal seno scendeva giù, ruotando verso la schiena, più sotto della più pronunciata delle tue rotondità.
E li, rientrando, seguendo la linea delle natiche, ne dava volume, consistenza.

Eri elegantissima e carnale.

1 comment:

  1. Minuziosamente attento, ecco perchè ci sembra anche a noi di vederle queste fanciulle :)

    ReplyDelete