Wednesday, 11 May 2011

Io e Maradona

Da bambino detestavo Maradona.

Era il 'nemico', non il semplice 'avversario' della squadra per la quale facevo il tifo, la Juventus.

Ne seguivo allora le vicende extra sportive con la soddisfazione misera di chi desidera lo scandalo e l'iniquità impossessarsi dei propri oppositori.

Con gli anni poi, man mano che le sue presenze si facevano più sporadiche, me ne dimenticai.

Ritrovandolo da adulto, ne ero assolutamente indifferente ma ero finalmente in grado di riconoscere la sua eccellente abilità di calciatore.

Esiste una sorta di parallelo oniricio di queste vicende.

Da piccolo, a partire da subito dopo l'insorgere dei miei guai, sognavo spesso di giocare a pallone.

Allora erano i miei amici a correre, e saltere su quei campi esistenti solo nella mia mente assieme a me.
Man mano che crescevo, altri sogni, o incubi, si sostituirono a quelli, e oggi mi ritrovo a vivere le vicende macabre e terribili di cui spesso parlo.

Stanotte, comunque, ho sognato di giocare a calcio con Maradona.

Eravamo in squadra assieme, e la partita era una finale, o comunque molto importante.

Al solito sono sicuro che in questo mio girovagare per dimensioni inattuali ci sia qualcosa del mio presente, e per questo, non per fare una telecronaca, ne scrivo.

Sia io che Diego giochiamo benissimo, eppure c'è qualcosa che ci impedisce di vincere.

Se ad esempio capita che io riesca a dribblare mezza difesa, spingermi sulla fascia e calibrare un cross perfetto, ecco che lui, il campione, fallisce miseramente un gol già fatto.

E allo stesso modo se lui riesce a aprire una voragine nella difesa nemica e a servirmi una palla perfetta sulla sinistra, siamo entrambi mancini, io arrivo al momento del tiro fiacco, senza potenza, e il pallone finisce lentamente nelle mani del portiere.

Ci diamo incoraggiamenti, io e Diego: a ogni fallimento dell'uno, corrisponde una prodezza dell'altro.

La somma delle nostre fatiche, delle nostre capacità e dei nostri errori, tuttavia, resta uno zero sul tabellone.

3 comments:

  1. Gobbo di uno juventinooooo!!!! ;)P

    ReplyDelete
  2. Devo dire che ero proprio predestinato ad essere Juventino :D

    ReplyDelete
  3. Pensa a che cosa rappresenta Maradona per te,
    sicuramente è una parte di te in lotta con un altro te stesso (Buffamente censurata dalla tua mente come Maradona) Di conseguenza prova a rileggere questo post sotto questa luce.
    Buffi i sogni vero?

    ReplyDelete