Tuesday, 17 May 2011

Gli estremisti

Scilipoti, Razzi, La Russa, Verdini, Dell'Utri, Bossi, Borghezio, Calderoli, Santanchè, Gasparri, Cosentino, Capezzone, Sgarbi, Bertolaso, Scajola ...

Li conosciamo tutti, vero?

Parlamentari comprati come merluzzi al mercato del pesce, cocainomani compulsivi, maneggioni, mafiosi, xenofobi, banderiuole, deficienti, camorristi, nullità, fastidiosi insetti, menomati mentali, rompicoglioni ... (è una mia opinione, ci mancherebbe altro).

Questa gente teme l'arrivo degli 'estremisti' al governo di città e province italiane.

E questa gente si stupisce che gli italiani abbiano votato 'altro' che non i soliti fossili.

E si stupiscono che lo scendere in prima persona in campo di un vecchio che va a puttane minorenni, di un pervertito che ha avuto legami con boss mafiosi, di un furbastro che ha corrotto a destra e manca, di un bambino viziato che ha giurato il falso, di un mentitore professionista che ha promesso mari e monti, di un irresponsabile che ha coperto scandali e monnezza sotto un velo di falsità, abbia nociuto.

E Bossi si meraviglia che il popolo, che lui, vecchio rincoglionito capace solo di berciare e poi invece obbediente come un cagnolino, pensa d'incarnare, l'abbia bocciato: dopo tanti inchini alle voglie del nano, si è dimenticato che la pazienza ha limiti diversi per chi ha poltrone, ricche prebende e privilegi e chi deve lavorare davvero, e combattere contro mali che loro, gli onorevoli, non conoscono più.

Ma taccia la sinistra, per carità, che solo la puzza della decomposizione di questa classe dirigente contaminata da germi, i peggiori, ha imposto a milioni di tapparsi il naso, e scegliere il vecchiume ordinario, come a Torino, e a scaricarlo tuttavia in altri casi.

L'affermazione di Pisapia, ancora di più quella di De Magistris a Napoli, che spero davvero possano tradursi in vittorie, indicano chiaramente che quando candidati minimanente credibili s'oppongono a questi indegni opportunisti, la gente, i milioni di cittadini qualunque, sanno ancora scegliere.

2 comments: