Sunday, 17 April 2011

La mia vita

La mia vita è una forma di non-esistenza.

Prendi questo weekend, ad esempio.

Vuoto d'ogni espressione o calore umano, passato assieme ad una maledetta emicrania e un dolore diffuso.

Uguale a mille altri.

La follia dell'amicizia ormai m'infastidisce solamente.

Quale legame puo' esserci con chi è tanto diverso da me, se non l'inganno?

Devo maledire le mie scelte, sciocche, non il mio destino!

19 comments:

  1. Non esiste (quasi) nulla a cui non sia possibile porvi un rimedio e, per inciso, evitando accuratamente la sterile retorica, non è detto che le "grandi" differenze debbano per forza dividere. O, almeno, questo è quello che ho potuto appurare secondo la mia personale esperienza di vita.

    Giancarlo

    ReplyDelete
  2. Stiamo vivendo la stessa situazione con sfumature diverse. Io mi sento come te pur dovendo stare per diversi motivi tra la gente.
    La maggior parte di chi frequento pensa che io provi simpatia,affinità con loro. Invece tutt'altro. Li detesto ed ogni loro comportamento mi pare miserabile: persone che rincorrono l'ultima moda, che affannosamente cercano di stare nel giro "giusto". Che orrore. Mi sono convinta che sia così l'essere umano, orribile.

    Melampa

    ReplyDelete
  3. Gio, collega...quando vuoi...il volo ci sta tutti i giorni ;)

    ReplyDelete
  4. Recentemente sono rimasta male per alcune cose. Ma non tutte le persone deludono e non tutte le scelte sono sbagliate. Magari e' solo un momento di incomprensione ma poi le cose magari si appianano.

    ReplyDelete
  5. Io credo che ci vorrebbe anche una buona dose di fortuna!
    Comprendo benissimo il tuo post: io non ho mai pace.Ci sono le brave persone Gio, ma io ne conosco poche!
    Ciao!
    Anna*

    ReplyDelete
  6. Speriamo Giancarlo.
    Io a volte però sono troppo stanco per andare avanti

    ReplyDelete
  7. Melampa, la televisione, la pubblicità ha grande ruolo nell'imbarbarimento dell'uomo.
    Ciao :-)

    ReplyDelete
  8. Baol, la priorità adesso è donna.
    Tutto il resto adesso non ha neppure senso :-/

    ReplyDelete
  9. Vittoria, io nel frattempo incrocio le dita e spero di 'partire' :-)

    ReplyDelete
  10. 'Anna', sto cercando il tuo indirizzo e-mail ;-)

    ReplyDelete
  11. "La priorità adesso è donna"....
    Un'espressione dolorosamente romantica o sfacciatamente prosaica ;)?
    È in ogni caso affascinante! Ti stringo, se ti va... :)

    ReplyDelete
  12. stessa lunghezza d'onda....ho pure il mal di testa.....

    ReplyDelete
  13. ...quando c'è l'emicrania... tutto diventa triste!

    ReplyDelete
  14. Dautre, una vita senza una donna è un lutto quotidiano che si rinnova ogni volta che ti volti e non vedi nessuno al tuo fianco ;-)

    ReplyDelete
  15. Kam, entro nella nuova settimana già stremato ... e solo ora, che sono agli sgoccioli della domenica, finalmente mi abbandona il mal di testa!

    Ciao!

    Gio

    ReplyDelete
  16. Bhè? Che succede qua? :(

    ReplyDelete
  17. Angela, hai proprio ragione ;-)

    ReplyDelete
  18. Ah Maraptica, mi scoppia la testaaaaaa :D

    ReplyDelete
  19. Da IL TEATRO DEGLI ORRORI

    Maestro? Maestro, si accomodi la prego. Possiamo incominciare?
    Mia vergine santissima, immacolata concezione non si era mai sentito niente del genere e allora musica maestro, musica maestro... Vita mia a noi due!
    Vita mia noi due: giochi il rosso ed esce sempre il nero.
    La fortuna è si cieca cosi come è cieco il tuo amore. Vita mia noi due... vita mia noi due... vita mia noi due sei tu la mia malattia, sei la mia medicina, vita mia ti prego non andare via. Tu non puoi lasciarmi, non proprio adesso.
    Vita mia noi due, vita guardami negli occhi ancora, andremo a Parigi e berremo per noi in boulevard, voleremo gli oceani e davvero vedremo l'America, poi di corsa faremo l'amore con tutta New York... NEW YOOOOOORK! vita, vita non lasciarmi, non puoi lasciarmi proprio adesso, dove vai vita? Dove vai? Vita mia noi due... Vita mia noi due... Vita mia noi due faremo grandi cose. Vita mia, vita mia noi due... vita mia noi due faremo la rivoluzione, ma che cosa c'è? C'è che non ho più voglia di scherzare, voglio respirare ancora quel vento fresco che mi fa sentire via, o meglio ancora, sparire qui. Voglio vedere se c'è o no un paradiso, è improbabile...
    E poi l'inferno!
    Adesso si che ci siamo. Ciao Lucifero. Uno, dieci, cento, mille inferni.

    ReplyDelete