Wednesday, 20 April 2011

Io posso cercare

Io posso cercare di rimettermi in piedi, di vedere l'aspetto positivo, di sorridere alla vita.

E' un laborioso procedimento mentale quello che occorre per farsi forza.
Conti i traguardi, le prove superate, ritorni ai complimenti ricevuti per il tuo lavoro.
Ti concentri per farne una massa solida, compatta, che sia da fondamenta per il tuo zoppicare.

E poi?

E poi, maledizione, basta l'intuizione di un attimo.

Non essere mai stato un amante, stretto, desiderato, pensato, cercato.

E questo pensiero che balena nella mente senza cercare una via d'entrata, ma scoperchiando il tuo cranio, polverizza tutti i castelli di sabbia che hai tanto faticosamente costruito.

E' niente, quest'uomo che sono io a 32 anni.
Niente.

Preso in questa morsa ossessiva, non riesci neppure a consolarti dell'amicizia.

Dovresti forse scuotermi, picchiarmi, farmi tornare in me.
Ma nè tu amante esisti, nè tu amica sei qui vicina a me.

La prima, oh, sensatamente ho perso ogni speranza di trovarla.

Ma l'esistenza di un carattere d'acciaio di chi mi sappia tener testa ... non è una chimera!

Nè lo è di dolcezza di chi abbia una pazienza infinita.
O di curiosità di chi mi voglia con sè per discutere.
O per ridere.

O per parlare d'amore.

6 comments:

  1. Oggi ho fatto parecchie capatine qui... perché ti sento! Non so come, ma in qualche strano modo ti sento... e passare, leggerti, pensarti, mi illude di poterti "confortare", un'oncia, da lontano, chi sa poi in che modo!
    'Notte!

    ReplyDelete
  2. Ci vogliono anche schiaffi ogni tanto mia cara.
    Non risparmiarti ;-)

    ReplyDelete
  3. Con te non ci riesco... do schiaffi tutto il giorno... ma tu mi plachi caro amico blogger :D

    ReplyDelete
  4. Allora mi prendo volentieri le tue carezze ;-)

    ReplyDelete
  5. Ahimè si Jacq, e quando sono vissuti nel deserto pesano come millenni :-)

    ReplyDelete