Saturday, 26 March 2011

Tantissime

Oggi sono tornato, dopo tanto tempo, a camminare in città.

Ho parcheggiato lungo il fiume, e ho iniziato la mia passeggiata sotto una pioggerellina leggera.

Una strana calma, cosi diversa dai sentimenti distruttivi che di solito mi agitano in queste sere solitarie, s'era impossessata di me, e silenzioso, lentamente, ho preso a girare per quelle viuzze strette, che sono animate la sera del sabato da una vitalità gaia e spensierata.

Davanti uno dei piu' noti night club del centro, una ballerina di lap dance, fumando tra un numero e l'altro, se ne stava sotto un'insegna luminosa, con tutta la mercanzia in bella mostra.

Minigonna che lasciava davvero poco spazio all'immaginazione, pettinatura aggressiva, trucco eccessivo, tacchi vertiginosi: ne guardavo le gambe nude, lunghe e snelle, cercando di trovarvi qualcosa che giustificasse l'ardore dei suoi adulatori ... ma davvero era nulla di speciale ai miei occhi.

Erano invece tantissime le belle ragazze qualsiasi.

Quante cosce nude, di quelle che davvero fanno primavera, ho visto stasera!
E quanti occhialini impudenti su visi allegri e sfrontati!

Sono stato in quel locale dove di solito suona il jazz.

Stasera pero' era musica elettronica, di quella che le ragazze ballano ancheggiando, tenendo il ritmo con il gesticolare delle loro mani, abbracciandosi alle volte l'una all'altra, a riempire quel locale illuminato da scie colorate e colmo di vapori densi.

Erano tantissime.

Ed erano belle.

2 comments:

  1. Sei uscito, ci speravo :)

    ReplyDelete
  2. E' stato istruttivo.
    Se ti piacciono tutte per lo stesso superficiale motivo, non ha senso preoccuparsi se una ti da il due di picche.
    Prima di preoccuparsi uno deve riceverne 10mila di due di picche simili :D

    ReplyDelete