Wednesday, 9 March 2011

A me Fabio Fazio non piace

[Mi è stato chieso via mail (gioneldeserto@gmail.com) di scrivere qualcosa di tagliente e impopolare, e di dimostrare quindi di non cercare solo un facile consenso, puntando alla benevolenza del lettore narrando dei miei disastri quotidiani].

Non seguo la televisione italiana da anni ormai, e mi capita di avere solo brevi contatti con questo mondo inquinato da lottizazioni politiche e da brutali interessi economici.

E' facile, e lo è sicuramente anche per me, scagliarsi contro personaggi ridicoli come la scimmia urlatrice Sgarbi, il bullo, piu' che teppista, Ferrara, l'impresentabile procariota Minzolini.

Parlare di costoro è tempo perso: non voglio allora spenderne piu' un solo atomo di tempo nella creazione di nuovi epiteti, di definizioni calzanti della loro indecenza.

Voglio invece concentrarmi su un personaggio popolare, di quelli che entrano nei migliori salotti Italiani, in quello della casa dei miei genitori, ad esempio.

A me Fabio Fazio non piace.

Detesto il suo modo di discutere con i suoi interlocutori.

Lui non fa domande, ma piuttosto esprime idee che s'augura i suoi ospiti condividano.

Lo trovo di una mediocrità disarmante, incapace di un pensiero minimamente articolato, privo di spina dorsale: come un moschettiere armato di un fioretto spuntato, solletica con lievi punzecchiature lo status quo, salvo poi premurarsi di identificare nella sua morbida e vaga alternativa, che è differente solo nella forma, l'unica sensata alla realtà, cementificandola di fatto.

E' un adolescente perpetuo e pieno di sè che non fa male a una mosca.

E' un ribelle solo a parole, un rivoluzionario in doppiopetto: la piu' manifesta personificazione di quella sinistra 'radical chic' che ha smantellato i sani principi della socialdemocrazia.

[Non posso credere che Saviano abbia davvero voluto ridurre il Ruby-gate alla solitudine di un vecchietto, ma visto che di Saviano conosco solo la sagoma, e molto vagamente, evito di discuterne.]

14 comments:

  1. Diciamo che è il meno peggio (bleak, che orrida frase).
    È anche lui un classico all'italiana, non fa vomitare, ma non sarà mai in grado di cambiare qualcosa!
    A classic italian style!

    ReplyDelete
  2. Concordo, lo trovo mediocre e piuttosto insignificante. Il fatto che stia ancora in tv ci fa capire che non darebbe fastidio ad una mosca ;)

    ReplyDelete
  3. Visto quello che c'è in giro, a me non dispiace nemmeno tanto..però io non sono un procariote eh!

    ReplyDelete
  4. Vero mia cara, è il 'meno peggio', ma nelle TV estere è proprio un altro mondo :-)

    E NULLA mi convincerà che pure noi abbiamo le potenzialità di essere magnifici :-)

    ReplyDelete
  5. Mia Caraptica, l'ho sempre saputo che siete saggia voi.

    ReplyDelete
  6. Vogliamo di meglio Baol!

    ReplyDelete
  7. Il meglio del meglio e' spegnere quell'acrocco!! Basta con la televisione... ;)

    ReplyDelete
  8. Bravissima :-)

    In casa mia per quel marchingegno non c'è proprio spazio ... e si sta benissimo senza ;-)

    ReplyDelete
  9. Condivido il tuo punto di vista su Fabio Fazio, Gio.

    ReplyDelete
  10. Facile parlare da lì, carolei!!!!

    :D

    ReplyDelete
  11. Son d'accordo con l'eliminare il mezzo, ma mi preoccupo di coloro che continuano a considerarlo come una fonte di notizie e verità incontrovertibili. Forse mi preoccupo troppo…

    ReplyDelete
  12. Grazie Enrica, devo ammettere che mi fa davvero piacere scoprirmi non solo :-)

    ReplyDelete
  13. Petrolio, decisamente NON ti preoccupi troppo.
    Per nulla.

    ReplyDelete
  14. Mi piace lazzoreneggiare quando posso caro collega ;-)

    ReplyDelete