Wednesday, 30 March 2011

L'esigenza

L'esigenza di scrivere, di occupare la mente per 5 minuti, tenerla lontana dall'insidie, cresciute a dismisura negli ultimi tempi, mi ha portato a contaminare questo blog con molteplici scritti indegni.

La qualità di quello che raccolgo qui è infima, eppur mi giova l'atto fisico, una sorta di liberazione effimera e che crea però dipendenza.

Avrei tante cose di cui parlare: delle mille persone che ho conosciuto in vita mia e di cui non ho mai parlato, dei miei sogni più inconfessabili, dei miei desideri più osceni e dolci.

Oggi mi sono venuti in mente i 18 verbi di abbondanza e privazione che, in latino, reggono l'ablativo.

Abundo, redundo, impleo, compleo, onero, cumulo, gravo, satio, saturo, exuo, spolio, nudo, careo, vaco, privo, orbo, egeo, indigeo.

Me li ricordo a memoria, e forse c'è qualche imprecisazione, qualche piccolo errore.

Se a qualcuno capitasse per le mani la mia grammatica del primo anno, troverebbe, li dove questa lista di diciotto verbi è sistemata, una frase d'esempio sottolineata.

'His bonis carere mallem, quam habere'.

'Preferirei non possedere questi beni piuttosto che averli'.

A che mi servono questi beni, sensibilità, dolcezza, coraggio, se non ad aver più chiara la visione di una realtà che è semplicemente triste?
Perchè non posso essere un deficiente, e vivere per l'Inter, il Grande Fratello, una bottarella a una puttana ogni tanto, e pensare solo ai soldi e come fottere il prossimo?

Guardo l'altro me, quello miserevole: lui mai vorrebbe far cambio con Gio.
E io sono pieno di incertezze.
So solo che ormai è troppo tardi.

Non so quanto coscientemente, ho voluto testardamente credere a questo modello teorico.
Quello di una proiezione dell'Iperuranio in terra, quello di Silvia, Laura ... Alice e Vera.

[Alice esiste ed è fantastica]

3 comments:

  1. No tu non cambi modello, tempo fa lo scrissi sul mio blog: "Li invidio ma non vorrei essere al loro posto". Questo è Gio.

    ReplyDelete
  2. Beh, non sono d'accordo con te sul termine "indegni"

    Però Gio, attento a scrivere Iperuranio, con l'aria che tira non vorrei che si pensasse ad un minerale ultraradioattivo!

    ReplyDelete
  3. Beh, un po' radioattivo devo pur esserlo ;-)

    ReplyDelete