Thursday, 17 March 2011

Italia e Italiani

Mi torna alla mente una trasmissione televisiva condotta da Indro Montanelli, Vittorio Foa e Beniamino Placido.

Nella maggior parte delle puntate si parlava di politica, erano quelli gli anni dei primi passi di Berlusconi , ma io ricordo
un frammento in cui dalla discussione dotta di un tema sterile e remoto ci si sposto' sulla sociologia, sull'essenza dell'italianità.
In particolare, si discuteva di quell'attitudine decisamente nostra di eccedere in furbizia, convinti come siamo
che quella sia un'evoluzione dell'intelligenza, quando invece ne è una degenerazione.
[trovero' il video e lo inseriro' nel messaggio stasera].

E' da Italiani, ad esempio, fare razzia di carburante a una stazione di servizio, se per un errore tecnico
la pompa continua ad erogare carburante oltre il prezzo pagato, ed è decisamente da italiani chiamare amici
e parenti perchè pure loro ne approfittino.
E' da italiani poi stupirsi che quello sia considerato un furto, e che le telecamere di sorveglianza
abbiano preso i numeri di targa di tutti gli eroici, capaci di credersi generosi, furfanti.
[fatto di cronaca recentemente accaduto].

Essere italiani è faticoso perchè ci si puo' aspettare di tutto dai propri concittadini: inciviltà ed erudizione
convivono sullo stesso pianerottolo, e la distanza tra un tracotante e un generoso è nulla.

Troppo spesso la ricchezza è solo interesse, troppo spesso idee valide vengono degradate ad ideologie.

Non c'è in questo mio scritto in conclusione un 'ma' consolatorio, un riferirsi a un patrimonio sterminato di cui vivere di rendita.

Non voglio concludere con un 'ma abbiamo una cultura stroardinaria, il nostro è il paese piu' bello del mondo'.

L'Italia è un paese difficile.

E proprio per questo motivo, tra gli italiani se ne trovano alcuni come quei tre anziani signori che,
attorno a un tavolo, discutevano con lucidità esemplare, da posizioni diverse eppure tutte ragionevoli,
di quanto fosse difficile essere italiani ed onesti, serii, intransigenti.

Ecco, quelli sono gli italiani che io amo.

No comments:

Post a Comment