Tuesday, 15 March 2011

Il metodo zio Giacomo

Mio zio Giacomo è un gran mattacchione, e già quando eravamo bambini ci tirava tranelli e insidiava con trabocchetti diabolici.

Ancora oggi è cosi.

Uno dei suoi giochi preferiti consiste nel richiamare attenzione con il suo sguardo piu' serio, e quindi dire, con il suo vocione basso ...

'Io lo so cos'hai fatto!'

E allora tu, che sei una persona per bene, hai un attimo di smarrimento, in cui davvero inizi ad interrogarti circa 'cosa hai fatto'.

Ed è quello il momento in cui, se non sei abituato al metodo di zio Giacomo, scavando nella tua memoria, ti ricordi che si, una volta, avevi 7 anni, hai attraversato senza aspettare il verde, o ti sei fatto una scorpacciata di caramelle, ho hai rotto un vaso in casa e dato poi la colpa a Baol (questa di Baol funziona sempre, provare per credere ;-) ).

E abbozzi allora una difesa, e sei disposto a confessare ogni nefandezza pur d'uscire d'impiccio, e sei imbarazzato, imbranato, e inciampi in ogni laccio.

Mio zio Giacomo, ci tengo a precisarlo, è una persona molto piacevole, e diro' di piu': lo devo ringraziare per avermi abituato, con il suo metodo, a gestire gli imbroglioni matricolati che adottano questa strategia non per gioco, ma per mestiere.

Tra i piu' infausti, Giuliano Ferrara.

Osservatelo in questo video, in cui almeno due volte mette in atto il 'metodo': prima con Pansa, e poi con una giornalista di Repubblica.

Credere che il fine del 'metodo' sia mettere in difficoltà il proprio interlocutore, comunque, è fuorviante.

E' forse questo il caso quando si gioca.

Ma a questi livelli, il fine è solo uno: cambiare argomento.
Distogliere l'attenzione dal 'quid', scaldare gli animi, portare animosità, ansia, eccitazione laddove servirebbe solo chiarezza, calma, razionalità.

8 comments:

  1. Che dici mandiamo tuo zio a insegnarlo anche ai 'giornalisti'? :O

    ReplyDelete
  2. Grazie eh...

    Certo, ci sono pure le volte che la colpa è di Baol (Azz...ma Baol sono io!!!)

    Comunque non si lascia Ferrara a parlare di centrali nucleari, ci sarebbe voluto un esperto lì...non ti hanno chiamato?

    ReplyDelete
  3. Sarebbe una buona idea Petrolio ;-)

    ReplyDelete
  4. Io di nucleare so ben poco ... e quel poco potrebbe sorprendere ;-)

    Temo che davvero il nucleare sia il problema minore, e che in un futuro non troppo lontano si scoprirà che è molto simile a un male necessario, e piu' ecologico e costoso di alternative oggi in uso.

    Ciao :D

    ReplyDelete
  5. Potrei non pensarla come te? Solo che mi sto astenendo dal dirlo perché altrimenti, visto quello che si legge nei blog, mi menano

    comunque ti volevo dire che se posti e poi cancelli, sul feedreader rimane...

    ReplyDelete
  6. Non è cancellato, devo solo metterlo un po'in ordine ;-)

    E certo che puoi pensarla diversamente da me ;-)

    ReplyDelete
  7. Cmq. manca un po' di chiarezza temo.

    ReplyDelete
  8. Intendo delle autorità nipponiche

    ReplyDelete