Monday, 14 March 2011

Democrazia

Ogni tanto capita.

Ogni tanto, io e Alice scambiamo due parole.

Per una volta non mi riferisco a Vera, quel personaggio femminile immaginario nella quale confluiscono i caratteri delle donne che più amo, e di quelle che più sogno, ma proprio a lei, ad Alice.

Alice ...

E' davvero parziale ridurre il mio interesse alla sua bellezza, che pure è notevole, ma distante, e non solo per questo irraggiungibile.

No, non si prende a caso una delle centomila belle ragazze che si conoscono approssimativamente per farne la propria musa.

Si prende la migliore, per scoprire poi che quella che tu identifichi con Alice può avere un altro nome, vivere in un'altra città ... e condividere però con lei tutto quello che di lei ti sei immaginato.

Lo confesso: Alice esiste, è altrettanto bella ed irraggiungibile della meravigliosa ragazza con la quale oggi ho discusso di democrazia, e però non è una musa, un feticcio misterioso, ma una persona in carne ed ossa, un'amica sottile e profondissima, un'interlocutrice inconfondibile ... e una sorpresa inattesa.

L'averla incontrata mi ha confuso, perchè ho avuto la dimostrazione che lei non va cercata in cielo, ma in terra.

E ho capito che vivendo con la testa nelle nuvole, o forse nascosto in buie gallerie sotterranee, è vero che si evitano tante brutture, ma si rischia anche di non vivere del tutto.

Sto andando lontano dal tema che m'ero proposto di affrontare ...

Ecco la mia idea di 'democrazia', sostantivo che troppo spesso si connota in senso positivo, mentre in verità nel 'governo del popolo' si possono nascondere ben più insidie di quante non si sospettino ...

Siamo a un punto d'alta criticità, in grado di discriminare tra democrazia sana e malata. Una democrazia sana è quella in cui un popolo sereno, informato e i suoi rappresentanti egualmente traggono beneficio da un confronto maturo, onesto, chiaro. In questo senso ogni occasione di incontro tra amministratori ed amministrati è meritevole d'attenzione ed encomiabile. Esiste tuttavia una democrazia malata: è quella in cui un pubblico incolto, collerico, incapace di elaborare un pensiero ma solo in grado di digerire un messaggio da altri confezionato, si lascia trascinare da demagoghi di bassa lega ad assecondare i propri istinti. In questo punto di equilibrio instabile che è l'Italia di oggi si sovrappongono queste due rappresentazioni di uno stesso concetto, la democrazia appunto.

Tutto qui.

4 comments:

  1. Tu sei l'unico che riesce ad amalgamare amore e politica... :D

    ReplyDelete
  2. E vabbe'... ma 'sta Alice a me sa un po' sulle...

    Non fai altro che parlare di lei - o almeno e' quella che citi piu' spesso - ed i post sono solo un pretesto. :-)

    ReplyDelete
  3. Dautre, e questo è niente ;-)

    ReplyDelete
  4. Cara Klara ... non provo neppure a contestare le tue parole ...

    Perchè corrispondono perfettamente alla verità.

    Una, due, tre, quattro, cinque, sei, sette, otto, nove, dieci, undici, dodici, tredici, quattordici, quindici, sedici, diciassette, diciotto, diciannove, venti, ventuno ...ventidue.

    Ventidue parole bastano per dire la verità.

    Tutto è solo un pretesto!

    ReplyDelete