Wednesday, 9 March 2011

Ci sono giorni ...

Ci sono giorni in cui il desiderio è un fluido invisibile che irrora e gonfia il labbro inferiore, ed è aghi infinitesimali che pizzicano il superiore, ed è una scia sottile che ritraendosi e espandendosi solletica sotto la lingua.

Allora vuoi solo mordere con le labbra la sua carne più morbida e profumata, e dissetarti della sua pelle, ed essere con lei una cosa sola.

12 comments:

  1. Sei come sempre sublime Gio, esplicativo in modo onesto, ma senza nemmeno sfiorare l'oscenità!
    È una notte lunga questa, è una notte dura...
    Sono quelle notti in cui ti ricordi da cosa stai scappando e realizzi quanto sia inutile!
    Che insopportabile stanchezza...
    Ti auguro mille dee da abbracciare e nobili carni da omaggiare!

    ReplyDelete
  2. Molto esplicito ma sempre con grande eleganza Gio ;)

    ReplyDelete
  3. su quell'"invisibile" ci vuol un applauso… tenue! :)

    ReplyDelete
  4. Mia cara, io scrivo per voi, mica per me.
    Siete voi le dee, siete voi da omaggiare!

    Non dimenticartelo quando sei sfinita e stanchissima!

    ReplyDelete
  5. Grazie cara.
    Noi siamo fatti di cuore e carne, no?

    ReplyDelete
  6. Grazie Petrolio, io temevo d'inciampare nella pornografia ma non è necessaria, no?

    ReplyDelete
  7. Caro collega, ecco cosa succede a scrivere di notte!
    Provare per credere!

    ReplyDelete
  8. Ma perchè purtroppo?

    Ama alla follia Saraptica :-)

    ReplyDelete
  9. Appena capisco CHI, comincerò a farlo ;)

    ReplyDelete