Wednesday, 23 February 2011

Che brutto, quel giorno

Che brutto il giorno in cui ti rendi conto di non avere piu' un cuore.

Per me, quel giorno, è anche oggi.
E' uno di piu' che risponde a questo malinconico appello.

Ieri ti ho portato un piccolo regalo, uno di quei miei bigliettini sciocchi, spiegazzati perchè li tengo sempre per giorni nel taschino della camicia prima di trovare il coraggio di presentarli a 'lei'.

Abbiamo scambiato due parole, mi hai ringraziato.

[Mi sorprende sempre la dolcezza della tua voce, cosi inattesa in una donna dalla bellezza procace e prorompente come la tua].

Oggi, sulla tua scrivania, c'erano dei fiori, lasciati li per te, credo, da un qualche ammiratore.

Non ho sentito dentro nulla.

Nulla, ti dico.

Che sono?
Di chi mi sto prendendo cura?
Di un oggetto vuoto, incolore?

Un silenzio insopportabile segue queste mie domande, e m'immagino come un fossile cui ho donato forma esteriore, ed è pero' pietra senza vita.

Io ... sono stato.

11 comments:

  1. Ma se ci sta uno con un cuore quello sei proprio tu?!

    ReplyDelete
  2. La donna della tua immaginazione, quello che ami e adori ed è perfetta... lei ti ama.
    Che tu scelga di darle il volto di una ragazza o di un'altra, non cambia il fatto che quelle immagini non sono l'oggetto del tuo amore ma solo una proiezione, una specie di ologramma.
    Questo fa del tuo cuore una pietra? No, amico mio... solo un cuore sano che non batte per ciò che non lo tocca...
    Buonanotte!

    ReplyDelete
  3. rieccomiiiiiiii :D Angela

    ReplyDelete
  4. Ma sai...Per rendersi conto di essere senza cuore un cuore bisogna pur averlo.

    Ciao

    ReplyDelete
  5. ..quante stronzate, gio!
    e lo sai.
    quindi, suppongo, tu stia "flirtando" con il lettore.
    :) vergognati!

    love, mod

    ReplyDelete
  6. Tu senza anima e cuore?! Per favore, raccontacene un'altra..

    ReplyDelete
  7. Speriamo, Enrica :-)
    Ciao!

    ReplyDelete
  8. Evviva Angela, mi mancava la bellezza di quel paradiso :D

    ReplyDelete
  9. Caro Collega, caro Marco ... bisogna passare al passato remoto ... o almeno all'imperfetto.

    Si, il mio cuore era ... imperfetto!

    ReplyDelete
  10. Mia adorata Mod ...

    Io filtravo, è vero.
    E mi piaceva tantissimo!

    Ora ... filtro e basta ;-)

    A presto :-)

    Gio

    ReplyDelete
  11. Ora che viene il weekend avro' un po' di tempo per continuare cara Maraptica ;-)

    ReplyDelete