Thursday, 20 January 2011

Weekend

Per il weekend volevo fare qualcosa di diverso: ad esempio scendere nel red-light district, che in verità non è osceno come si pensa, ma è effettivamente giusto la zona giovanile della città, infilarmi in qualche bar, un locale a caso, e vedere un po' come va il mondo, quello vero, quello che esiste nonostante le costruzioni teoriche della mia mente.

Quello, dopotutto, che non ho conosciuto abbastanza, e che mi impedisce, ne sono ben consapevole, non solo d'essere vizioso, ma anche saggio.

Ci vuole davvero coraggio piu' che lascivia, per uno come me, per abbandonare la placide acque del lago, i viali puliti, i locali per bene, e scendere due o tre fermate prima, e infilarmi nel quartiere del peccato ... e del divertimento, e mi muove la curiosità piu' che la smania.

Queste erano le mie vaghe intenzioni di mercoledi.
E invece, con buone probabilità, anche questa volta saro' bloccato a casa dal diffuso 'mal di tutto' che d'inverno mi s'appiccica addosso.

Leggero', sfoghero' la mia frustrazione in qualche modo scontato, mi faro' male facendo qualcosa di inutile, giusto per passare un po' di tempo.

E, lunedi, tornerà tutto come questo lunedi, e quello prima, e quello prima ancora.

Al limite, provero' a trascinarmi in qualche modo fino a quel locale dove suonano un po' di Jazz.

4 comments:

  1. Senti un po': io oggi ho una brutta visita medica, e contemporaneamente nevralgie, ossa rotte e fa un freddo boia. Pensi forse che ciò mi fermerà dall'uscire stasera per un reading di poesia? No, perché so che c'è sempre un peggio, e non è detto che in futuro avrei ancora l'occasione di vedere/ascoltare cose potenzialmente interessanti (non so se lo saranno, ma se non ci vado non lo saprò mai).

    Hai avuto l'istinto dell'antropologo, che si mescola agli indigeni - cultura che non gli appartiene - e ne studia identità e dinamiche comportamentali. Quindi copriti bene, prendi penna e taccuino e và in esplorazione. Puoi stare in un angolo nel casino, seduto comodo, bevendo qualcosa che ti duri a lungo perché dovrai fermarti con calma un bel po', e da lì osservare, scrivere, e ascoltare. Prendila davvero come un'indagine, potrebbe sul serio essere interessante (per me, almeno, lo sarà).
    Attendo tuo report la settimana prossima ;-)

    ReplyDelete
  2. Alle volte basta davvero poco: un invito, ad esempio ;-)

    ReplyDelete
  3. Poi fatto con tanta gentilezza e indulgenza... :-P

    ReplyDelete
  4. A me piacciono le sfide: ma mi sono annoiato di quelle che mi impongo da me ;-)
    Grazie davvero, è stata come una piccola scossa!

    ReplyDelete