Thursday, 27 January 2011

Dimettiti

Cerco di non occuparmi di politica, ma a volte, semplicemente, non vi riesco.
Ed è comunque un errore il mio, perchè per quanto noi non ci si interessi di politica, questa si interessa di noi, plasma il nostro futuro, condiziona il nostro presente.

Perchè ha senso dimettersi perfino quando si è certi della propria innocenza?

Semplice: perchè la priorità di un governante è il funzionamento della carica che occupia, l'esercizio, senza interruzioni, del compito che gli è stato assegnato, non la tutela dei propri interessi e del proprio potere.

Il tempo dedicato alla difesa, sempre legittima, il dubbio della sua onestà negli interlocutori istituzionali e nei semplici cittadini, le comprensibili preoccupazioni personali, perfino le strumentalizzazioni dell'opposizione sono tutti ingombri al compimento del suo dovere, che, particolare di poco conto, lo vede responsabili nei confronti di milioni di cittadini.

Nessuno, poi, è insostituibile, ed è folle credere che solo uno sappia fare il lavoro di ministro, specialmente quando si sono raccolti cosi pochi frutti in un periodo tanto esteso.

Dimettiti.

14 comments:

  1. Che dire... condivido tutto, parola per parola, punti e virgole comprese.

    ReplyDelete
  2. Tanto, ahinoi, non se ne va...e temo che faccia pure qualche cazzata, intanto...

    ReplyDelete
  3. Pienamente d'accordo, sintesi ineccepibile.

    ReplyDelete
  4. pensa che la Minetti ha studiato qui da noi... ma mi chiedo sotto quale scrivania!!! :o))

    Joh

    ReplyDelete
  5. Io credo solo che un simile essere abbia per forza la coscienza in stato vegetativo. Non può continuare come se niente fosse a contribuire alla montatura di simili casi assurdi che lo fanno passare come una vittima per alcuni e come un carnefice per altri, ma che in ogni caso contribuiscono a distogliere totalmente l'attenzione da quel nulla totale che il governo sta facendo. E' facile fingersi occupati in simili beghe per far pensare di non aver tempo per occuparsi di problematiche vere e proprie. E poi non è possibile, dai, non è proprio possibile che uno a 74 anni provi ancora un simile gusto a farla franca. Ad un certo punto non capisco il guadagno... cioè con un piede nella fossa non capisco che cos'abbia da perdere. Senza pensare che mi pare un po' andato per continuare a fare festini nelle sue serate libere, piuttosto che sedersi davanti a un caminetto a leggere un buon libro. Bah, sarò anche confuso io, ma troppe cose sono ormai plateali.

    ReplyDelete
  6. Grazie Venerdi: io trovo davvero terribile dovermi confrontare con questo cumulo di immondizia e bugie.

    ReplyDelete
  7. Collega, DEVE succedere qualcosa, questa storia è cresciuta a tal misura che se nulla accadrà vorrà dire una sola cosa ...

    ReplyDelete
  8. Mia dea, troppo gentile :D

    ReplyDelete
  9. Sotto tutte quante probabilmente Joh ;-)

    ReplyDelete
  10. Hai centomila volte ragione Leandro - la tua analisi è sottile e va oltre il velo d'indecenza.
    Ma proprio il nulla deve illuminarci circa il fatto che è dannoso e NON insostituibile.
    A presto!

    ReplyDelete
  11. forse dimentichi che siamo in una specie di dittatura, abbiamo una opposizione che fa finta di opporsi perchè è evidentissimo che sono tutti dei cortigiani alla corte del sultano!

    ReplyDelete
  12. Cara Marisa, Berlusconi ha reso obsoleto, forse dannoso, il suffragio universale!

    ReplyDelete
  13. Angela!!!

    Bentornata :-)

    Allora, come è andata?

    A presto mi auguro!

    ReplyDelete